Logo salute24
07-08-2018

Testosterone basso, legato a malattie croniche negli uomini


Bassi livelli di testosterone potrebbero essere associati allo sviluppo di malattie croniche. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports dai ricercatori dell’Università del Michigan di Ann Arbor (Usa) e dell’Università della Florida di Gainesville (Usa), secondo cui questo problema non riguarderebbe soltanto gli uomini anziani, ma anche quelli più giovani.


Gli autori hanno studiato la relazione tra testosterone, età e malattie croniche. In particolare, per verificare in che misura l'ipogonadismo è diffuso tra gli uomini di tutte le età, hanno esaminato i dati raccolti dal “National health and nutrition examination survey”, che ha coinvolto 2.399 uomini di età pari o superiore a 20 anni. Hanno poi analizzato la diffusione, tra i partecipanti, di nove patologie croniche: diabete di tipo 2, artrite, malattie cardiovascolari, ictus, malattie polmonari, alti livelli di trigliceridi, ipercolesterolemia, ipertensione e depressione clinica. Infine, hanno esaminato la prevalenza della multimorbilità, ossia la compresenza di due o più condizioni croniche, tra tre gruppi di età (giovani, uomini di mezza età e anziani), con e senza deficit di testosterone. 


A termine dell’indagine è emerso che il testosterone basso era associato a multimorbidità in tutti i gruppi di età, ma soprattutto tra i giovani e gli anziani. Secondo gli esperti, questo dimostra che il calo del testosterone non dovrebbe essere trascurato, anche se non raggiunge livelli bassissimi, perché potrebbe essere associato allo sviluppo di più malattie croniche.