Logo salute24

Ansia da dentista? La soluzione è l'agopuntura

L’agopuntura potrebbe aiutare ad affrontare l’ansia da dentista. Lo suggerisce una ricerca pubblicata sulla rivista European Journal of Integrative Medicine dagli scienziati dell’Università di York di Heslington (Regno Unito), coordinati da Hugh MacPherson, che afferma: “C'è un crescente interesse scientifico sull'efficacia dell'agopuntura sia come trattamento autonomo, sia come trattamento da utilizzare insieme ai farmaci tradizionali. Abbiamo recentemente dimostrato, per esempio, che l'agopuntura può aumentare l'efficacia delle cure mediche standard per il trattamento del dolore cronico e della depressione. Il dolore cronico è spesso sintomo di una condizione a lungo termine, quindi per approfondire la nostra comprensione dei vari usi dell'agopuntura volevamo verificare quali effetti potrebbe determinare su condizioni che si verificano improvvisamente, rapidamente e come reazione a particolari esperienze”.

 

Gli studiosi hanno pertanto deciso di analizzare l’effetto di questa pratica sull’“ansia da dentista”, un disturbo che colpisce fino al 30% della popolazione adulta di tutto il mondo. Chi ne soffre generalmente manifesta nausea, difficoltà di respirazione e vertigini al pensiero di recarsi dal dentista, durante la visita e dopo il trattamento. Secondo gli esperti, le ragioni del disturbo potrebbero essere diverse, come la paura del dolore, degli aghi, degli effetti collaterali dell’anestesia o della sensazione di perdita del controllo.

 

Dopo aver esaminato i risultati di oltre 120 studi condotti in Inghilterra, Cina, Spagna, Portogallo e Germania sugli effetti dell'agopuntura, i ricercatori hanno individuato sei indagini che avevano analizzato l’influenza di questo metodo anche sull’ansia da dentista. Le analisi, che hanno coinvolto 800 pazienti, hanno dimostrato l’esistenza di una differenza significativa tra l’ansia manifestata dai partecipanti che avevano ricevuto il trattamento e quelli che non l’avevano ricevuto. I primi, infatti, mostravano una “riduzione clinicamente rilevante” del disturbo.

 

“Questi risultati sono interessanti, ma abbiamo bisogno di più studi che misurino l'effetto dell'agopuntura sull'ansia sperimentata prima di andare dal dentista, durante la visita e dopo il trattamento – precisa il professor MacPherson -. Se l'agopuntura deve entrare a far parte delle pratiche odontoiatriche, o dev’essere utilizzata in altri casi di ansia estrema, servono ulteriori ricerche di alta qualità che dimostrino che può avere un impatto duraturo sul paziente. Le prime indicazioni sembrano positive, ma c’è ancora molto lavoro da fare”. 

 

Foto: © Minerva Studio - Fotolia

di Nadia Comerci
Pubblicato il 30/07/2018

potrebbe interessarti anche: