Logo salute24
15-06-2018

Il legame tra la parodontite e l'artrite reumatoide


Le probabilità di soffrire di parodontite sarebbero più alte tra le persone che corrono il rischio di sviluppare l’artrite reumatoide. Lo suggerisce la ricerca pubblicata sulla rivista Annals of the Rheumatic Diseases dagli scienziati dell’Università di Leeds (Regno Unito), secondo cui la patologia autoimmune potrebbe essere innescata dall’azione del batterio orale Porphyromonas gingivalis, responsabile della malattia gengivale.


La sperimentazione ha coinvolto 48 persone considerate a rischio di sviluppare l’artrite reumatoide, 26 pazienti che ne erano affetti e 32 individui sani. Gli scienziati hanno osservato che le probabilità di soffrire di parodontite erano significativamente più alte tra i soggetti a rischio (73%) che tra quelli sani (38%). Inoltre, l’analisi del Dna prelevato dalla placca batterica sottogengivale di ciascun partecipante ha dimostrato che negli individui a rischio di artrite reumatoide erano presenti quantità maggiori di P. gingivalis e Aggregatibacter actinomycetemcomitans, entrambi collegati alla parodontite. Tuttavia, solo il primo batterio era rilevabile in dosi elevate anche nei siti dentali sani ed era associata all'entità complessiva della malattia gengivale.


Gli autori precisano che l’autoimmunità dell’artrite reumatoide è caratterizzata dalla risposta degli anticorpi alla sovrapproduzione di un tipo di proteine anomale chiamate “citrullinate”, e il batterio orale Porphyromonas gingivalis è l'unico agente patogeno noto capace di rilasciare un enzima in grado di generare queste proteine. Di conseguenza, affermano gli esperti, i risultati dell’indagine supportano l’ipotesi che l'infiammazione parodontale e i batteri che ne sono responsabili potrebbero giocare un ruolo chiave nello sviluppo dell'autoimmunità correlata all'artrite reumatoide.