Logo salute24

Ogni persona ha un cervello unico (a livello anatomico)

Il cervello di ogni persona è unico. Come non esistono due individui al mondo che possiedono le stesse impronte digitali, così non ci sono due soggetti dotati della stessa anatomia cerebrale. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports dagli scienziati dell'Università di Zurigo (Svizzera), secondo cui questa unicità sarebbe il risultato della combinazione di fattori genetici ed esperienze di vita.

 

I ricercatori spiegano che determinate circostanze possono, con il tempo, “plasmare” l’encefalo. Per esempio, è stato osservato che il cervello dei musicisti professionisti o dei giocatori di golf presenta particolari caratteristiche in aree specifiche, che vengono utilizzate maggiormente durante lo svolgimento di queste attività qualificate. Ma possono lasciare tracce nell’encefalo anche eventi di durata inferiore: per esempio, se il braccio destro viene tenuto fermo per due settimane, lo spessore della corteccia cerebrale nelle aree responsabili del controllo dell’arto immobilizzato finisce per ridursi. “Abbiamo il sospetto che le esperienze che influenzano il cervello interagiscano con la composizione genetica - spiega Lutz Jäncke, che ha coordinato l’indagine -, così nel corso degli anni ogni persona finisce per sviluppare un'anatomia cerebrale completamente individuale”. 

 

Per verificare questa ipotesi, gli studiosi hanno reclutato 191 persone di età compresa tra 64 e 85 anni. Grazie all’impiego della risonanza magnetica, ne hanno esaminato il cervello per tre volte nel giro di due anni. In ogni occasione, hanno valutato oltre 450 aspetti anatomici cerebrali, compresi anche elementi generali come lo spessore della corteccia e il volume totale del cervello, della materia grigia e della materia bianca. Al termine dell’indagine, hanno scoperto che ciascun partecipante era dotato di una combinazione individuale di specifiche caratteristiche anatomiche cerebrali. Ciò significa che era possibile identificarlo, anche  basandosi soltanto sulle proprietà anatomiche più generali, con un’accuratezza superiore al 90%. “Con il nostro studio siamo riusciti a dimostrare che la struttura del cervello delle persone è individuale – osserva il dottor Jäncke -. La combinazione di influenze genetiche e di influenze non genetiche influisce chiaramente non solo sul funzionamento del cervello, ma anche sulla sua anatomia”.

 

Foto: © CLIPAREA.com - Fotolia.com

di Nadia Comerci
Pubblicato il 12/07/2018