Logo salute24
10-08-2018

Fibrillazione atriale, il legame con 151 geni


Identificati 151 geni coinvolti nello sviluppo della fibrillazione atriale. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Nature Genetics da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Cristen J. Willer dell'Università del Michigan di Ann Arbor (Usa), che afferma: “Siamo fiduciosi che grazie all’analisi dei geni che abbiamo identificato, ulteriori esperimenti di biologia molecolare consentiranno di scoprire come creare ritmi cardiaci regolari”.


Gli scienziati hanno esaminato i dati genomici di oltre un milione di individui, raccolti da sette studi diversi. Al termine dell’analisi, sono riusciti a identificare 151 geni coinvolti nello sviluppo della fibrillazione atriale - un disturbo caratterizzato da una frequenza cardiaca irregolare, spesso rapida, che colpisce oltre 30 milioni di persone in tutto il mondo e che aumenta il rischio di coaguli di sangue, ictus, insufficienza cardiaca e morte. I ricercatori spiegano che molti dei geni individuati sono importanti per lo sviluppo fetale del cuore: questo suggerisce che una variante genetica potrebbe predisporre il cuore all’insorgenza della fibrillazione atriale durante lo sviluppo del feto, oppure che una mutazione genetica potrebbe riattivare nel cuore adulto i geni che normalmente si attivano soltanto durante lo sviluppo fetale. Secondo gli autori, i risultati dello studio potrebbero migliorare la comprensione dei processi biologici che sono alla base della fibrillazione atriale e rendere più accurati la diagnosi precoce e il trattamento della malattia cardiaca.

potrebbe interessarti anche: