Logo salute24
16-08-2018

Papilloma virus, somministrazione vaccino efficace fino ai 20 anni


Il vaccino contro il Papillomavirus umano (Hpv) è efficace se viene somministrato entro i 20 anni. Dopo quest’età, i suoi effetti protettivi non sarebbero più evidenti. Lo sostiene uno studio pubblicato su The Lancet Child and Adolescent Health da un team di ricercatori statunitensi diretti da Michael J. Silverberg del Kaiser Permanente di Oakland, che afferma: “La nostra scoperta dimostra che le ragazze e le donne che non hanno ricevuto la serie completa di vaccini all'età di 11-12 anni possono ancora beneficiare di una protezione significativa se ricevono le tre dosi del vaccino entro i 20 anni. Le prove suggeriscono che la protezione è più forte quanto prima viene somministrato il vaccino, e che dopo i 21 anni le prove della sua efficacia diventano poco chiare. Ulteriori ricerche in altri contesti e sull'uso del vaccino anti-HPV 9-valente introdotto di recente, saranno necessari per valutare l'efficacia della vaccinazione delle donne di età compresa tra 21 e 26 anni”.


Lo studio è stato condotto su 26.130 giovani donne californiane, di cui 4.357 erano state colpite da displasia cervicale - la formazione di cellule anomale sulla superficie della cervice, causata dal virus Hpv – in forma moderata (Cin2) o grave (Cn3). L’analisi ha dimostrato che la protezione più forte contro la malattia è stata sperimentata dalle partecipanti che avevano ricevuto almeno tre dosi di vaccino anti-Hpv e che avevano iniziato la profilassi vaccinale tra i 14 e i 17 anni. Nessuna protezione significativa è stata invece osservata nelle donne che hanno ricevuto la prima dose di vaccino a un’età pari o superiore a 21 anni, o che non hanno completato la serie, ricevendo meno di tre dosi.