Logo salute24

Donne: frutta, verdura e cereali rallentano invecchiamento

Il consumo regolare di frutta, verdura e cereali integrali potrebbe rallentare l’invecchiamento cellulare nelle donne. Soprattutto se inserito all’interno di una dieta a basso contenuto di zuccheri aggiunti, sodio e carni lavorate. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista American Journal of Epidemiology dai ricercatori diretti da Cindy W. Leung della University of Michigan School of Public Health di Ann Arbor (Usa), che osserva: “Il punto fondamentale è che seguire una dieta salutare può aiutarci a mantenere le cellule sane e a evitare alcune malattie croniche. Dovrebbe essere posta particolare enfasi sul miglioramento della qualità complessiva della dieta piuttosto che sui singoli alimenti o sulle singole sostanze nutritive”.

 

Per giungere a queste conclusioni, gli autori hanno esaminato i regimi alimentari seguiti da 4.758 persone di età compresa tra 20 e 65 anni, che non soffrivano di patologie croniche e che avevano preso parte al "National health and nutrition examination surveys” tra il 1999 e il 2002. In particolare, gli studiosi hanno confrontato la dieta seguita da ciascun partecipante con la lunghezza dei suoi telomeri - le molecole situate nella parte terminale dei cromosomi, che proteggono dalla perdita del Dna durante la divisione cellulare. Le dimensioni dei telomeri sono considerate un buon indicatore della longevità di una persona, perché si riducono con il passare degli anni. Ma la loro lunghezza può essere accorciata anche da fattori comportamentali, ambientali e psicologici, un fenomeno che risulta associato a un maggior rischio di cardiopatie, diabete e alcune forme di cancro.

 

Al termine dell’indagine, è emerso che le donne che seguivano una dieta più sana - ricca di vegetali e povera di sale, zuccheri e carni processate -, avevano telomeri significativamente più lunghi. Secondo gli esperti, questo sarebbe dovuto al fatto che i regimi alimentari ricchi di sostanze antiossidanti e anti-infiammatorie creerebbero un ambiente biochimico favorevole ai telomeri, aiutando a mantenere le cellule giovani e sane e a prevenire lo sviluppo di malattie croniche. Gli scienziati spiegano che l’associazione tra una dieta salutare e un minore invecchiamento cellulare è stato riscontrato in modo significativo nelle donne ma non negli uomini, probabilmente perché gli esponenti del sesso forte tenderebbero a seguire un’alimentazione meno sana e a consumare quantità più elevate di bevande zuccherate e carni processate.

 

“Nel complesso, i risultati suggeriscono che il consumo elevato di frutta, verdura, cereali integrali e proteine ​​vegetali e l’apporto ridotto di zuccheri, sodio, carne rossa e carni lavorate sono associati a una maggiore lunghezza dei telomeri e a una riduzione del rischio di malattie croniche maggiori – spiega la dottoressa Leung -. Nel nostro studio, così come in altre indagini precedenti, gli uomini tendevano ad avere punteggi di qualità della dieta più bassi rispetto alle donne e assumevano anche dosi maggiori di bevande zuccherate e carni lavorate, due alimenti che nelle ricerche precedenti sono stati associati a telomeri più corti”.

 

Foto: © lassedesignen - Fotolia

di Nadia Comerci
Pubblicato il 04/09/2018