Logo salute24
20-09-2018

Antibiotico-resistenza: nel corpo umano le chiavi per creare nuovi antibiotici




Nel corpo umano sono state individuate delle sostanze che potrebbero essere impiegate per creare nuovi antibiotici. Si tratta di molecole capaci di eliminare agenti patogeni comuni, che potrebbero essere modificate per produrre nuove “armi” contro i superbatteri resistenti ai farmaci. È quanto emerge da uno studio italo-statunitense pubblicato sulla rivista ACS Synthetic Biology dai ricercatori dell'Università Federico II di Napoli e del Massachusetts Institute of Technology (Mit) di Cambridge.


Gli scienziati hanno sviluppato un software che consente di osservare la struttura delle proteine e scoprire se all’interno del corpo umano sono presenti gruppi chimici in grado di neutralizzare i batteri. Grazie all’impiego di questo software, sono riusciti a identificare circa 800 proteine dotate di proprietà antibatteriche. Una di queste, presente nello stomaco, sarebbe in grado di eliminare almeno tre tipi di batteri che possono infettare i polmoni: la Salmonella, l’Escherichia coli e la Pseudomonas aeruginosa.


Gli autori osservano che queste molecole da sole non sono abbastanza potenti, ma se venissero modificate tramite le tecniche di biologia sintetica potrebbero essere rese più forti. Potrebbero quindi costituire la base per lo sviluppo di nuovi farmaci capaci di eliminare anche i superbatteri antibiotico-resistenti.