Logo salute24

Vittoria calcistica? È davvero lo spirito di squadra che conta

La serie di sette scudetti consecutivi vinti dalla Juventus negli ultimi anni può indicarlo. Il segreto di una squadra vincente sono le vittorie. Nel calcio come in altri sport, ma anche sul posto di lavoro, dove opera un team di persone, a fare la differenza non è il talento del singolo ma le esperienze condivise ovvero i traguardi raggiunti in precedenza. Questi successi consolidano lo spirito di squadra, un fattore che aumenta le probabilità di tagliare ulteriori traguardi in futuro. È quanto ha osservato un team di ricercatori in uno studio pubblicato su Nature Human Behaviour.

“In una squadra gli individui sono determinanti ma spesso si spende troppo tempo nel ricercare quelli con il maggior talento. Altri fattori, ad esempio l'intesa o il loro grado di fiducia reciproca, suggeriscono che le squadre non sono solo un aggregato di individui con le proprie caratteristiche ma anche il frutto delle relazioni che si instaurano tra di loro”, spiega Noshir Contractor, uno degli autori dello studio.

Talenti e successi di squadra

Scoprire quale sia la chiave del successo di un team ha attirato l'attenzione di diversi ricercatori. Se da un lato si è ipotizzato il cosiddetto “effetto superstar” sulle prestazioni di un gruppo dall'altro è stato suggerito che le precedenti relazioni e le esperienze in comune tra i membri del team possano essere cruciali dal momento che portano i singoli a conoscere meglio le abilità, le tecniche e le abitudini di ognuno. Da qui sono partiti gli autori di questo studio, provenienti anche dalla Northwestern University di Evanstone (USA). Gli scienziati hanno analizzato l'impatto delle relazioni esistenti tra i membri del team sull'esito delle competizioni sportive. Sono stati presi in considerazione gli aspetti quantitativi di queste relazioni, ossia il numero di volte in cui due membri del team avevano giocato insieme, e quelli qualitativi, ovvero i successi precedentemente condivisi. Si è visto che questi facevano salire in modo significativo le probabilità di vincere al di là dei talenti individuali.

In particolare sono state setacciate le statistiche dei giocatori dell'Nba, il massimo campionato di basket negli Stati Uniti, e della Premier League, la massima serie del campionato di calcio in Inghilterra tra il 2002 e il 2013, del campionato di cricket dell'Indian Premier League tra il 2008 e il 2012, e della Major League di baseball dal 2002 a 2012. Oltre a questi sono stati anche analizzati i dati delle partite giocate nel 2011 di Defence of the Ancients, un videogame di strategia al quale possono partecipare online più giocatori contemporaneamente.

I ricercatori hanno identificato le abilità generali del team, ad esempio calcolando le medie in statistiche chiave come i punti e gli assist a partita nel basket o i gol e i tiri in porta nel calcio. Hanno misurato il numero di volte una coppia di giocatori era parte di uno stesso team vittorioso, un parametro chiamato “successo precedente condiviso”.

Un vantaggio non solo nello sport

Al termine dell'analisi è emerso il valore predittivo delle vittorie sull'esito delle partite nella stagione successiva a quelle esaminate. Le probabilità di vittoria salivano di una percentuale compresa tra il 2% e il 7% per tutte le competizioni: “Nello sport è condivisa l'idea dell'importanza della chimica di squadra ma questa è uno concetto poco chiaro. Volevamo essere più rigorosi nel definire lo spirito di squadra. Gli psicologi hanno dimostrato che quando si gode di un successo insieme, si impara di più da quell'esperienza, e così ci siamo concentrati sui giocatori che giocano insieme in una squadra vincente”, spiega ancora Contractor.

I dati ottenuti – aggiungono ancora i ricercatori – si applicano a molti contesti, come la finanza, quello accademico fino ai viaggi nello spazio. Contractor sta infatti lavorando con la Nasa per individuare quei vantaggi competitivi che possano dar vita a equipaggi efficienti: “Sia che ci si trovi in un ambiente di lavoro o nello spazio, capire ciò che può predire da un punto di vista relazionale il successo di un team è molto importante”.

 

Foto: Pixabay

di Vito Miraglia
Pubblicato il 28/12/2018

potrebbe interessarti anche: