Logo salute24
13-03-2019

Vaccinazioni pediatriche, in aumento nel 2018



In Italia nei primi sei mesi del 2018 le coperture vaccinali dei bambini sono aumentate. In diversi casi la soglia minima del 95% raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità è stata raggiunta e superata. Lo evidenzia la rilevazione di medio termine effettuata dal Ministero della Salute per valutare l’impatto della legge sulle vaccinazioni obbligatorie nelle coorti di bambini nati negli anni 2015, 2014 e 2010.


L’indagine rivela che al 30 giugno 2018 la copertura nazionale relativa ai bimbi nati nel 2015 nei confronti della polio ha raggiunto il 95,46%, registrando un incremento dello 0,85% rispetto alla rilevazione eseguita il 31 dicembre 2017. Il Ministero precisa che il dato sulla polio è utilizzato per misurare anche la copertura della vaccinazione esavalente (polio, difterite, tetano, pertosse, Hib, epatite B). La copertura per la prima dose del vaccino contro il morbillo è pari al 94,15% e risulta più alta del 2,30% rispetto allo scorso anno. In sei regioni è stata superata la soglia del 95%, mentre altre tre vi si sono avvicinate. In crescita anche le coperture per le vaccinazioni non obbligatorie: l’anti-pneumococcica è passata dal 90,90% del 31 dicembre 2017 al 91,98% del 30 giugno 2018, mentre l’anti-meningococcica C dall’82,64% all’87,77%.


Tra i bambini nati nel 2014 la copertura vaccinale anti-polio è arrivata al 95,81% (+0,76% rispetto al 31 dicembre 2017). La copertura per la prima dose del vaccino contro il morbillo è aumentata dell’1,97%, passando dal 92,38% al 94,35%. Anche le altre vaccinazioni obbligatorie superano il 95%.


Infine, hanno registrato un aumento anche le vaccinazioni in età pre-scolare, generalmente somministrate a 5-6 anni (relative ai bambini nati nell’anno 2010). La copertura  per la quarta dose di anti-polio è cresciuta del 3,63%, passando dall’88,69% del 31 dicembre 2017 al 92,32% del 30 giugno 2018. La copertura per la seconda dose (ciclo completo) di anti-morbillo è passata dall’85,74% al 90,09%, riportando un incremento del 4,35%.