Logo salute24

Bambini, Oms: niente tablet e smartphone fino a due anni

Dormire a sufficienza, giocare molto e passare pochissimo tempo, o per nulla a seconda dell’età, davanti a Tv, smartphone e tablet. Questa è la ricetta per assicurare ai bambini una crescita armoniosa. Arrivano dall’Oms, Organizzazione mondiale della Salute, le nuove linee guida su attività fisica, sedentarietà e sonno per i bambini sotto i cinque anni di età. Fondamentale è il ruolo dei genitori, che possono definire uno stile di vita sano sin dall’età neonatale evitando comportamenti sedentari e con una routine del sonno adeguata. Uno stile di vita che potrà diventare abitudine negli anni a venire, nel resto dell’infanzia, in adolescenza e infine in età adulta: “La prima infanzia è un periodo di rapido sviluppo e un momento in cui lo stile di vita in famiglia può essere adattato per sostenere una crescita salutare”, spiega il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

I bambini sotto i cinque anni – raccomandano gli esperti dell’Oms – devono trascorrere meno tempo seduti a guardare gli schermi dei dispositivi tecnologici, devono dormire in maniera congrua e passare molto tempo giocando se vogliono crescere sani. Come è emerso in più occasioni dalla ricerca scientifica, l’attività fisica si associa a un migliore sviluppo motorio e cognitivo e a una migliore salute cardiometabolica. In particolare aiuta a prevenire l’aumento di peso. Il sovrappeso e l’obesità, chiari fattori di rischio per diverse patologie, sono fra i maggiori problemi per la sanità globale: nel 2016 41 milioni di bambini con meno di cinque anni erano sovrappeso od obesi, quasi due miliardi, invece, gli adulti in eccesso di peso dopo i 18 anni. Oltre alla sedentarietà anche la privazione di sonno è stata correlata all’accumulo di grasso in infanzia e adolescenza.

Pertanto è fondamentale che i bambini passino più tempo possibile in movimento o comunque, da seduti, impegnati in attività che accompagnino il loro sviluppo motorio e cognitivo, senza l’ausilio di media elettronici: comporre puzzles, disegnare, colorare, ritagliare, ascoltare delle storie, cantare e suonare, sono tutte attività interattive che danno qualità al tempo passato stando seduti.

Ecco le raccomandazioni dell’Oms per le diverse fasce d’età:

Fino a un anno:

- i bambini dovrebbero essere fisicamente attivi diverse volte al giorno, soprattutto facendo giochi interattivi stando per terra; più se ne fa meglio è. Per chi non sappia ancora muoversi, almeno mezz’ora in posizione prona, un tempo da distribuire in più momenti nell’arco della giornata. È il cosiddetto “tummy time”, il tempo trascorso facendo esercizi e attività con il pancino in giù per favorire lo sviluppo motorio del piccolo; 
- divieto di passare del tempo davanti a uno schermo;
- non più di un’ora fermi su seggioloni, carrozzine o marsupi. Quando il bambino è sedentario gli adulti sono incoraggiati a parlare o a raccontare delle storie; 
- 14-17 ore di sonno fino a tre mesi; 12-16 ore dai quattro agli undici mesi, sonnellini compresi;

Da uno a due anni:
 
- almeno tre ore di attività fisica a qualsiasi intensità, leggera, moderata e vigorosa; più se ne fa, meglio è;
- niente schermi digitali fino a un anno; dopo i due anni massimo un’ora, ma meno tempo si passa, meglio è;
- non più di un’ora “costretti” nei movimenti. Anche in questa fascia d’età è indicato che gli adulti raccontino delle storie ai bambini quando sono fermi;
- sonno: 11-14 ore, cercando di definire una regolarità negli orari di sveglia e addormentamento;

Tre-quattro anni di età:

- almeno tre ore di attività fisica a qualsiasi intensità, di cui almeno una a intensità da moderata a vigorosa (più è meglio);
- non costretti nei movimenti per oltre un’ora di tempo o seduti per periodi eccessivi di tempo. Nei momenti di sedentarietà sono incoraggiate attività come la lettura;
- massimo un’ora davanti a Pc, tablet, Tv, televisori (ma meno è meglio);
- da 10 a 13 ore di sonno, anche con sonnellini, con orari regolari.

 

 

Foto: Pixabay

di Vito Miraglia
Pubblicato il 14/05/2019