Logo salute24
14-05-2019

Alzheimer, diagnosi precoce grazie a molecole di grasso



Un esame del sangue in grado d’individuare le molecole di grasso che stimolano il sonno potrebbe consentire la diagnosi precoce dell’Alzheimer. È quanto emerge da uno studio pubblicato su Alzheimer & Dementia: The Journal of Alzheimer's Association da un gruppo di ricerca internazionale coordinato da Cristina Legido-Quigley del King's College di Londra (Regno Unito), che afferma: “Questo è il primo studio in cui sono state trovate nel sangue molecole lipidiche prodotte nel cervello, insieme all'aumento del deposito di amiloidi nella malattia di Alzheimer. È noto che queste ammide grasse siano neuroprotettive e favoriscano il sonno. C'è anche la prova che la mancanza di sonno determini l’accumulo di amiloidi, per cui queste molecole potrebbero svolgere un ruolo nell'eliminazione delle amiloidi tossiche nel cervello”.


Gli scienziati hanno analizzato i campioni di sangue prelevati a 593 individui, di cui 242 erano sani, 236 soffrivano di lieve deterioramento cognitivo e 115 di Alzheimer. Dopo aver individuato ed esaminato centinaia di molecole, hanno scoperto che la presenza degli ammidi di acidi grassi - molecole di grasso che stimolano il sonno - era più alta nei partecipanti che presentavano un accumulo di amiloidi – i peptidi utilizzati per diagnosticare la malattia di Alzheimer - nel cervello. In particolare, hanno osservato che la quantità di ammidi aumentava in concomitanza con l'incremento dei livelli cerebrali di amiloidi. Inoltre, hanno rilevato che queste molecole erano associate al restringimento del cervello e alla perdita di memoria. La scoperta, secondo gli autori, potrebbe favorire lo sviluppo di nuovi metodi diagnostici, che consentano d’individuare precocemente l’Alzheimer con un semplice esame del sangue.

potrebbe interessarti anche: