Logo salute24

Andare a scuola a piedi diminuisce rischio obesità

Fare quattro passi o pedalare alcuni minuti per andare e tornare da scuola è un buon modo per mantenersi attivi e in salute. I bambini che lo fanno regolarmente, infatti, hanno un minor rischio di diventare obesi o sovrappeso. Dei ricercatori della University of Cambridge (Regno Unito) hanno valutato l’impatto dell’attività fisica sul peso corporeo di oltre duemila bambini associando proprio il movimento a una migliore forma fisica. Chi si spostava con le proprie gambe prima di sedersi in aula aveva meno massa grassa mentre chi faceva regolarmente sport aveva un livello di massa magra maggiore.

Sovrappeso e obesità molto diffusi nel mondo

L’accumulo di grasso è riconosciuto come un fattore di rischio nei bambini. Le conseguenze del sovrappeso e dell’obesità sulla crescita e sulla salute dei più piccoli sono significative e la diffusione di queste condizioni a livello globale desta, ormai da anni, grande preoccupazione tra le autorità sanitarie internazionali. I livelli sono epidemici e non solo nei Paesi ad alto reddito. Nel 2016 - sono numeri dell’Organizzazione mondiale della Sanità - 41 milioni di bambini con meno di cinque anni d’età erano sovrappeso od obesi nel mondo, una quota che superava i 340 milioni nella fascia d’età fino ai 19 anni. 

Gli effetti dell’eccesso di peso sono a carico sia della salute fisica che di quella mentale: i bambini sovrappeso e obesi hanno maggiore probabilità di restare tali anche nell’età adulta e poi hanno un maggior rischio di diabete, malattia cardiovascolare ma anche di disturbi all’apparato osteoarticolare e respiratorio.

Per misurare l’eccesso di peso si fa spesso ricorso all’Indice di Massa corporea (Imc), che si ottiene dividendo il peso espresso in kg per il quadrato dell’altezza espressa in metri. Questo parametro però non è esente da difetti, come sottolineano i ricercatori di Cambridge, in quanto include sia la massa grassa che quella magrasenza indicare chiaramente a cosa è imputabile l’eccesso di peso misurato. “Sia l’Imc in sé che i livelli ai quali l’alto Imc si associa a condizioni di salute non favorevoli variano con l’età, il sesso e l’etnia”, spiega Lander Bosch, tra gli autori dello studio. “Nonostante gli aggiustamenti fatti negli ultimi anni per tener conto di queste variazioni, l’Imc rimane un modo imperfetto per misurare i rischi per la salute associati all’obesità”. Ecco che i ricercatori hanno guardato separatamente a massa grassa e massa magra.

Massa magra e movimento

L’analisi è basata sui dati dello studio Size and Lung Function in Children realizzato tra il 2010 e il 2013. Oltre duemila bambini della scuola primaria, fra 5 e 11 anni di età, erano stati inclusi nella ricerca su livelli di attività fisica e composizione corporea. Circa metà dei partecipanti faceva sport ogni giorno mentre la restante parte era solita spostarsi attivamente per andare a scuola, quindi a piedi, in bicicletta o in monopattino.

Questi ultimi – hanno visto gli autori dello studio pubblicato su BMC Public Health – avevano un livello di adiposità inferiore e perciò erano meno a rischio di diventare obesi o sovrappeso. Se avessero guardato solo all’Indice di Massa corporea i risultati sarebbero stati diversi: paradossalmente i bambini che facevano sport ogni giorno avevano un rischio maggiore di essere sovrappeso oppure obesi rispetto a chi ci si dedicava meno di una volta a settimana. Distinguendo invece tra massa grassa e magra, i primi avevano una massa magra maggiore mentre quella grassa non variava in modo molto netto.

Fare sport assiduamente non si associava a un minor rischio di accumulare chili extra considerando solo l’Indice di Massa corporea: “Verosimilmente – spiega in conclusione l’esperto – quando si guarda all’Imc alcuni bambini inattivi non sono classificati obesi per via di una massa muscolare ridotta. Guardando solo al grasso corporeo abbiamo visto che tendenzialmente i bambini che non erano attivi avevano più probabilità di diventare obesi o sovrappeso”.

 

Foto: Pixabay

di Vito Miraglia
Pubblicato il 24/05/2019