Logo salute24

Stress? Arriva il test che lo misura scientificamente

Un nuovo test, da effettuare comodamente a casa propria, potrebbe essere in grado di misurare i livelli di stress. Lo affermano gli scienziati dell'Università di Cincinnati (Usa), che hanno sviluppato un esame capace di rilevare gli ormoni dello stress nei fluidi corporei come il sudore, il sangue, l’urina e la saliva. “Volevo realizzare un test semplice da eseguire e facile da interpretare - spiega Andrew J. Steckl, che ha coordinato la ricerca -. Quest’esame potrebbe non fornire tutte le informazioni, ma indicare se si ha bisogno di rivolgersi a un professionista che si occupi del problema”.

 

Nel corso dello studio, pubblicato sulla rivista Acs Sensors, gli autori hanno sviluppato un dispositivo che utilizza la luce ultravioletta per misurare gli ormoni dello stress in una goccia di sangue, sudore, urina o saliva. I ricercatori precisano che i biomarcatori dello stress si trovano, infatti, in tutti questi fluidi corporei, anche se in quantità diverse. “L’esame non misura soltanto un biomarcatore, ma più biomarcatori – spiega il professor Steckl -. E può essere applicato a diversi fluidi corporei, e questo è unico”.

 

I ricercatori puntano adesso a realizzare un dispositivo semplice da usare, che i pazienti possano utilizzare a casa propria per monitorare il loro stato di salute. Sottolineano che molti disturbi come il diabete, l’ipertensione, le malattie neurologiche e quelle psicologiche possono essere dovuti anche allo stress. Pertanto, la possibilità di tenerlo sotto controllo da casa potrebbe consentire ai pazienti di accorgersi tempestivamente di eventuali problemi e di rivolgersi subito a uno specialista.

 

“Il test non sostituisce un esame completo in laboratorio – conclude il professor Steckl -. Non è questo l'intento. Ma se si può effettuare il test in casa perché non ci si sente bene e si vuol conoscere la propria condizione sanitaria, l’esame sarà in grado d’indicare se lo stato di salute è cambiato solo un po' oppure se è variato molto”.

 

Foto: © Andrew Higley/UC Creative Services

 

di Nadia Comerci
Pubblicato il 29/05/2019

potrebbe interessarti anche: