Logo salute24
08-07-2019

Segnali del dolore, più rapidi degli altri segnali percettivi



I segnali del dolore potrebbero essere più rapidi del previsto: sarebbero in grado di viaggiare veloci come i segnali tattili. Lo rivela uno studio pubblicato su Science Advances da un gruppo di ricerca internazionale guidato dall'Università di Linköping (Svezia). In precedenza si riteneva che i segnali dolorosi fossero più lenti di quelli del tatto, perché questi ultimi sono condotti da nervi rivestiti da uno strato spesso di mielina – una guaina che avvolge e isola il nervo -, che conducono i segnali più rapidamente dei nervi non mielinizzati. I segnali del dolore, invece, sono condotti da nervi rivestiti soltanto da uno strato sottile di mielina o, addirittura, privi della guaina.


Nel corso dell’indagine, che ha coinvolto 100 volontari sani, gli scienziati hanno usato una tecnica che consente di rilevare i segnali trasmessi nelle fibre nervose da una singola cellula nervosa. Hanno quindi cercato le cellule nervose che trasmettevano segnali rapidamente quanto le cellule nervose che rilevano il tatto, ma che avevano le proprietà dei recettori del dolore, chiamati nocicettori. I recettori del dolore sono caratterizzati dalla capacità di rilevare stimoli pericolosi, mentre non reagiscono al tocco leggero. L’indagine ha dimostrato che il 12% delle cellule nervose mielinizzate aveva le stesse proprietà dei recettori del dolore, e che in queste cellule nervose la velocità di conduzione dei segnali era elevata come nelle cellule nervose sensibili al tatto. Il prossimo passo della ricerca, osservano gli studiosi, sarà quello di determinare la funzione dei recettori del dolore ultraveloci.

potrebbe interessarti anche: