Logo salute24
07-08-2019

Melanoma, le potenzialità di un nano-vaccino


Un vaccino veicolato da particelle microscopiche contro il melanoma, il tipo di tumore cutaneo più aggressivo. È ciò su cui hanno lavorato dei ricercatori della Tel Aviv University (Israele): un nano-vaccino sperimentato su modelli animali che si è dimostrato in grado di prevenire lo sviluppo del tumore, ma anche efficace nel trattamento di tumori primari e di metastasi che derivano da questa neoplasia. I risultati dei test sono stati pubblicati su Nature Nanotechnology: “Nel nostro studio abbiamo mostrato per la prima volta che è possibile produrre un nano-vaccino efficace contro il melanoma e sensibilizzare il sistema immunitario per le immunoterapie”, spiega l’autore principale Ronit Satchi-Fainaro.

La ricerca oncologica sul melanoma ha compiuto negli ultimi anni grandi passi avanti proprio sull’immunoterapia. Si tratta di una forma di terapia innovativa basata sull’assunto per cui il sistema immunitario può essere armato per combattere i tumori.

I ricercatori hanno messo a punto delle particelle molto piccole al cui interno sono stati inseriti due peptidi, amminoacidi a catena corta espressi nelle cellule del melanoma: “Le nanoparticelle agivano proprio come dei vaccini per le malattie virali. Stimolavano il sistema immunitario dei topi e le cellule immunitarie imparavano a identificare e attaccare le cellule contenenti i due peptidi, ovvero le cellule del melanoma”, aggiunge l’esperto.

Oltre all’azione preventiva individuata in topi sani, ai quali era stato iniettato il vaccino e poi le cellule tumorali, si è osservata l’efficacia della molecola in altre due condizioni. Il nano-vaccino è stato impiegato per il trattamento di un melanoma in combinazione con farmaci immunoterapici. Il risultato è stato un forte rallentamento alla progressione della malattia.

Infine si è testato il vaccino su tessuti di pazienti con melanoma e metastasi che avevano raggiunto il cervello. Il nano-vaccino – suggeriscono i ricercatori – potrebbe esser utilizzato per trattare anche le metastasi cerebrali.