X

Ti potrebbe interessare anche

Sesso: anche i molluschi low cost fanno bene

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Pancia_acqua

Fibroma uterino:
si può eliminare
anche senza il bisturi

Scoperta una tecnica che consente di estirpare il fibroma uterino senza ricorrere all`asportazione chirurgica: si tratta del "doppler guidato all`occlusione delle arterie uterine" attualmente in via di sperimentazione in alcuni centri specialistici europei e nordamericani. La tecnica, che si situa al nono posto della "Top 10 Medical Innovations for 2009" realizzata dalla Cleveland Clinic, rappresenterebbe un valido rimedio per le donne affette da fibromi uterini, che non hanno risposto in modo positivo alla terapia medica non invasiva.
Non tutti i fibromi uterini sono tumorali: in un terzo dei casi si tratta di formazioni di grasso, all`interno della parete dell`utero, che crescono in modo anomalo fino a raggiungere anche la dimensione di un melone. Questi agglomerati fibrosi possono provocare diversi problemi: un`eccessiva fuoriuscita di sangue e un forte dolore alla schiena durante il ciclo mestruale, il rischio di sviluppare l`anemia, la necessità di urinare frequentemente - a causa della pressione che il `grumo` esercita sulla vescica -, il pericolo di riduzione della fertilità e di complicazioni durante la gravidanza, tra cui la nascita prematura.
Il trattamento più utilizzato per eliminare il fibroma è l`isterectomia, un intervento chirurgico che comporta la rimozione dell`utero e, di conseguenza, l`impossibilità di procreare. Il nuovo "doppler guidato all`occlusione delle arterie uterine" potrebbe invece eliminare il fibroma senza produrre queste conseguenze.
La nuove tecnica consiste nell`inserire nell`utero della paziente una sorta di morsetto dotato di una serie di cristalli che consentono la corretta localizzazione del fibroma in grado di occludere - tramite speciali onde sonore - le due arterie uterine, impedendo l`afflusso di sangue. L`intervento avviene in 15 minuti, mentre il dispositivo deve essere tenuto per sei ore, durante le quali il fibroma inizia a deperire in quanto, proprio a causa dell`occlusione delle arterie uterine, viene "privato" dell`ossigeno e delle sostanze nutritive. Il fibroma viene quindi trasformato e riassorbito dall`organismo, con una conseguente riduzione della massa fibrosa e dei disturbi a essa correlati.
"Sebbene non sia un iontervento invasivo, prima di sottoporsi all`intervento - spiega Giorgio Vittori, presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) - bisogna essere consapevoli dei disturbi che esso implica: è necessario innanzitutto tenere il dispositivo all`interno dell`utero per diverse ore, durante le quali non è possibile muoversi e, inoltre, la paziente deve aver avuto rapporti sessuali": la presenza dell`imene ostacolerebbe infatti l`inserimento dello strumento.
Inoltre, aggiunge l`esperto, non sono ancora chiare "l`entità della riduzione del fibroma in seguito all`intervento e la sua durata nel tempo". Per conoscerle, occorre attendere i risultati delle sperimentazioni attualmente in atto in diversi centri specialistici. "Si tratta, in ogni caso, di una tecnologia innovativa e promettente - conclude lo specialista - che potrebbe rappresentare una valida alternativa all`embolizzazione e all`isterectomia".

di nadia comerci (21/01/2009)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.

Commenti dei lettori

    • mariapia17/02/2011
    • sono della prov. di reggio emilia...vorrei sapere il centro piu' vicino per questo tipo di intervento .grazie.
    • FEDERICA20/10/2010
    • DOVE OPERANO QUESTA TECNICA PER I FIBROMI?RINGRAZIO PER L INFO CHE MI MANDERETE.GRAZIE.
    • Beatrice Gianni08/10/2010
    • Sono Beatrice e vivo a Rimini vorrei cortesemente sapere quli sono i centri che adottano questo sistema perchè anche io ho 2 fibromi...
    • simona pandariu16/06/2010
    • vivo a roma ho 48 anni e mi hanno diagnosticato un fibroma uterino da 3 ani in quest ultimo anno mi ha dato parecchi problemi e vorrei sapere se ci sono dei centri qui a roma che practicano questa tecnica
    • CRISTINA k28/05/2010
    • HO 43 ANNI E UN MIOMA DI 11 CM MI POTETE INDICARE DOVE POTER FARE QUESTO TRATTAMENTO IN ITALIA? GRAZIE
    • simona pandariu23/05/2010
    • bravii
    • Camilla Guerrieri18/03/2010
    • Ho 31 anni, vivo nelle Marche, ho tolto fibromi con miomectomia già due volte (2005- 2008). ora ne ho già 2. Mi indicate un medico ed un centro grazie
    • giulia siani17/03/2010
    • Posso conoscere quale centro importante applica tale tecnica Ho un fibroma di 6,5 cm e un altro più piccolo
    • gabriella28/01/2010
    • ho 38 anni,vivo a Roma, sono stata diagnosticata con fibroma uterino, cortesemente mi puo indicare un medico che mi possa aiutare eseguire questo tipo di intervento
    • cinzia franciosi28/01/2010
    • vivo a roma ho 48 anni e mi hanno diagnosticato un fibroma uterino da circa 5 anni in quest`ultimo anno mi ha dato parecchi problemi e vorrei sapere se ci sono dei centri qui a roma che praticano questa tecnica