Logo salute24

Capelli folti e pelle tonica con l’enzima che regola il grasso

L`enzima che regola il livello di grasso nel corpo umano rende anche i capelli robusti e lucenti e la pelle elastica. È quanto emerge dallo studio pubblicato su The Journal of Biological Chemistry dai ricercatori del Gladstone Institute of Cardiovascular Disease di San Francisco, secondo cui l`enzima che sintetizza i lipidi nell`organismo sarebbe il responsabile della salute di epidermide e capelli.
Dal grasso alla cute - L`enzima in questione è l`acil-CoA: diacilglicerolo acetil tranferasi (Dgat1), che si occupa della sintesi dei grassi nei tessuti organici, svolgendo anche un ruolo antitetico a quello dell`acido retinoico, derivante dalla vitamina A (retinolo), che, nonostante sia "utilizzato per il trattamento dei disordini della cute, come acne e psoriasi, e di alcuni tipi di cancro, è comunque tossico e deve essere somministrato con attenzione". Inoltre, "se presente in quantità elevate - spiegano gli studiosi -, può causare l`alopecia e alcuni problemi epidermici".
Lo studio - L`esperimento è stato condotto su un gruppo di topi che sono stati privati del Dgat1 e sottoposti a una dieta ricca di alimenti contenenti retinolo. Dalle analisi, è emerso che i roditori erano piuttosto magri ed emaciati, incapaci di assumere peso anche in presenza di diete ipercaloriche, diventavano più sensibili a leptina e insulina, ormoni implicati nell`equilibrio metabolico, e, inoltre risultavano affetti da disturbi dello sviluppo delle ghiandole mammarie e della pelle. "La causa - secondo i ricercatori - andrebbe ricercata nell`assenza dell`enzima che ha reso i topi particolarmente sensibili al retinolo".
I risultati - Gli specialisti hanno anche constatato che l`elevato incremento dei livelli di acido retinoico nella pelle era associato ad alopecia e perdita dei capelli, che tuttavia era possibile prevenire escludendo dalla dieta i cibi contenenti retinolo. Lo studio, secondo i ricercatori, "dimostra l`importanza dell`enzima Dgat1 nel controllo dei livelli di acido retinoico" e l`effetto benefico che svolge per la cute e i capelli, pertanto, "ulteriori studi potrebbero consentire la sperimentazione di nuove terapie contro i disordini epidermici e tricotici".

di nadia comerci
Pubblicato il 18/02/2009