Logo salute24

Pelle sotto-stress? Più vecchia di 10 anni I consigli dell’esperto

Non è sempre la corazza inattaccabile pronta a difenderci. La pelle è anzi il primo e più vulnerabile dei nostri "organi". Anche la crisi, insieme allo stress di tutti i giorni, ci mette del suo: ormoni impazziti, alimentazione "mordi&fuggi", i radicali liberi sempre in agguato. Come se tutto questo non bastasse, le difficoltà economiche sono un fattore di invecchiamento rapido nei sei metri quadrati di epidermide che ci avvolgono. Più vecchi, in sostanza, di 10 anni. "Lo stress psicologico ha una stretta relazione con quello "ossidativo" e con i meccanismi all`interno delle cellule", ricorda Patrizio Mulas, presidente dell`Associazione dermatologi ospedalieri italiani (Adoi). La conferma in uno studio pubblicato sulla rivista online Pnas che "ha dimostrato tempo fa il legame tra lo stress cronico e l`impoverimento della funzione immunitaria".
Se gli eventi incalzano e la nostra pelle decide di virare verso la terza età prima del tempo, bisogna correre ai ripari. L`alimentazione prima di tutto. "Frutta, verdura, vitamine (in particolare del gruppo B e C)", spiega Mulas, e poi la scelta dei giusti prodotti, creme idratanti e detergenti scelte insieme al dermatologo a seconda del tipo di pelle.
Sei cibi salva-pelle. Guarda la fotogallery
I pericoli in agguato sono tanti: dermatiti, eczemi, orticaria, acne. Spesso le ragioni sono psicologiche, una "somatizzazione" della fatica, aggiunge l`esperto, che ha la sua spiegazione nella produzione di cortisolo, "l`ormone prodotto dall`organismo in risposta allo stress, che indebolisce la cute". Da evitare i cosmetici aggressivi, colpevoli di alterare lo strato "corneo".  Un primo consiglio: abbandonare definitivamente la sigaretta, che provoca la diminuzione delle fibre elastiche.
Dieci ragioni per smettere di fumare. La fotogallery
L`alterazione dei sistemi di regolazione e riparazione fa il resto. "La depressione accelera la diminuzione del volume del viso", aggiunge il dermatologo, con il risultato di una perdita di elasticità e luminosità che fa apparire meno giovani. Esporsi, quindi, al primo sole di primavera può risultare un toccasana per il corpo e per lo spirito.
(aggiornato il 09-04-2009)

di cosimo colasanto
Pubblicato il 09/04/2009

potrebbe interessarti anche: