Logo salute24

Solo un italiano su tre protegge gli occhi dal sole

Il sole è nemico degli occhi, ma sono in pochi gli italiani che fanno abbastanza per proteggerli. Solo uno su tre prende i giusti accorgimenti per evitare i raggi ultravioletti colpiscano la zona più delicata delle palpebre provocandone l’invecchiamento. Gli specialisti della Società di oftalmologia raccomandano maggiore attenzione, perché un’esposizione troppo lunga può arrivare a provocare basaliomi, ovvero piccoli tumori che possono insorgere proprio attorno agli occhi.
"Bisogna prendere il sole con moderazione e proteggere la cute con occhiali da sole e creme idratanti", spiega Francesco Bernardini, oculista specialista in chirurgia oculoplastica che opera a Genova e Torino. Nonostante quasi un italiano su due indossi abitualmente occhiali o lenti a contatto, solamente un terzo della popolazione ritiene importante mantenere la vista in efficienza sotto il sole: il 51% si preoccupa dei rischi per la pelle, mentre solo il 9% ha espresso un analogo timore per i danni agli occhi. "Una continuata esposizione al sole anticipa l`invecchiamento cutaneo - commenta Bernardini - specialmente nelle zone più delicate, come quelle delle palpebre”.
Tra i nemici delle aree intorno agli occhi, al primo posto, ci sono proprio i raggi ultravioletti. Sono questi che a lungo andare possono provocare inestetismi legati a proliferazioni della congiuntiva, la membrana mucosa che ricopre il bulbo oculare e la palpebra. Inoltre, con gli anni aumenta proporzionalmente il rischio di sviluppare piccoli tumori della pelle proprio intorno agli occhi, i cosiddetti epitelioma basocellulari o basaliomi.
La pericolosità di questi tumori palpebrali è relativamente modesta se paragonata ai melanomi, ma necessitano comunque di intervento chirurgico radicale. La ricostruzione del difetto palpebrale che risulta dopo la loro rimozione deve essere eseguita da chirurghi esperti per preservare sia l`estetica che la funzione delle palpebre.

di ida casilli
Pubblicato il 14/07/2008