Logo salute24

Eczema infantile: bagno «alla candeggina» contro l’infiammazione

Bimbi con la pelle arrossata a causa dell`eczema infantile? I dermatologi suggeriscono un "candeggio delicato". Secondo una ricerca americana condotta dalla Northwestern University Feinberg School of Medicine, infatti, per arginare la fastidiosa infiammazione cutanea potrebbe essere più utile un bagnetto con una soluzione diluita di ipoclorito di sodio, alla base della comune candeggina, che non altri detergenti specifici.
La ricerca - I test, i cui risultati sono stati pubblicati sull`ultimo numero della rivista Pediatrics, hanno coinvolto 31 bambini: nei piccoli pazienti, curati per un paio di mesi con mezza tazza di ipoclorito di sodio diluita in una vaschetta piena, la gravità dell`eczema si è ridotta di cinque volte. E, come ulteriore prova dell`efficacia del trattamento, non sono stati riscontrati miglioramenti sul collo o nella testa, zone del corpo che non erano state immerse nell`acqua candeggiante.
La patologia - L`eczema infantile – anche detto dermatite atopica – è infatti un`infezione della pelle causata da un batterio, lo stafilococco aureo, che provoca arrossamenti, pruriti e infiammazione cutanea: il bagnetto sbiancante riduce il numero di batteri sulla pelle – quindi la gravità del disturbo – e previene anche possibili ricadute.
Il parere dell`esperto - "L`ipoclorito di sodio è uno dei componenti della tradizionale amuchina, già nota come disinfettante ed eudermico per la pelle – spiega a Salute24 il dermatologo Paolo Gigli –. Questi trattamenti necessitano di altre sperimentazioni perché se ne possa giudicare l`efficacia, anche in considerazione del fatto che si rivolgono ad una particolare fascia di pazienti, i bambini". 
Attenzione al fai-da-te - Una cura economica, quindi, che potrebbe essere affiancata a pomate e medicine tradizionali, ma anche pericolosa se non doverosamente monitorata, precisano i pediatri che hanno condotto lo studio: in ogni caso, i bimbi vanno sottoposti al trattamento seguendo le indicazioni di uno specialista.

di c.s.
Pubblicato il 27/04/2009