Logo salute24

Sorrisi di diamante: la ceramica allo zirconio è a prova di allergia

Anche il sorriso è per sempre. Grazie allo zirconio, parente prossimo del gioiello più amato dalle donne, il diamante, che impiegato in odontoiatria si rivela un "tesoro" di pregi. Primo: è "anallergico". Grazie alla sua struttura più vicina a quella del minerale che del metallo, la sua compatibilità con gengive e ossa è più sicura e tollerata. A questa si aggiungono altre qualità per il paziente, come spiega Giorgio Pompa, dell`Unità di Implantoprotesi dell`Università "La Sapienza" di Roma: "Alta estetica, bio-compatibilità, nessun bi-metallismo, sicurezza, resistenza alla rottura, bassa conducibilità termica".
Denti perfetti in 5 mosse: vai alla fotogallery
I vantaggi non sono solo per il paziente ma anche gli specialisti. L`uso della ceramica allo zirconio, continua Pompa, garantisce all`odontoiatra "sicurezza, eccellente adattabilità, alta estetica anche vicino alla gengiva, grazie al materiale semi-trasparente e alla possibilità di lucidare e rifinire, senza bisogno di imparare nuove tecniche" L`innovazione passa anche attraverso le tecnologia: la progettazione della protesi "allo zirconio" si fa al computer con tecnica Cad-cam. Se ne è parlato al Congresso dei docenti di discipline odontostomatologiche e chirurgia maxillo-facciale. Se la resistenza è il punto "forte", conclude l`esperto, per l`odontotecnico tutto questo si traduce "in controllo creativo durante il procedimento, adattamento eccellente, alta resistenza alla rottura e tempi di lavorazione ridotti".

di cosimo colasanto
Pubblicato il 05/05/2009