Logo salute24

Siamo uomini o embrioni? Boncinelli sulle tracce della vita

Negli ultimi anni il dibattito politico-civile ha portato al centro dell’attenzione dei temi bioetica, a volte di natura eminentemente specialistica. In particolare, è stato il confronto sulle questioni dell’”inizio vita” (dalla fecondazione assistita alle cellule staminali) ad aver suscitato notevoli divergenze.
In "L`etica della via", Edoardo Boncinelli, uno dei più noti genetisti, nonché "penna" del Corriere della Sera, abituato quindi alla divulgazione scientifica, si pone come obiettivo proprio quello di dare delle risposte a domande, quali: la natura dell’embrione o la prima origine dell’individuo. Di queste problematiche, Boncinelli sceglie di tralasciare gli aspetti civili, religiosi ed etici, che pure ne vengono coinvolte, e di concentrare la sua analisi sugli aspetti scientifici, per molti, troppo spesso, poco chiari. Il genetista descrive, con rigore e facilità di lettura, tutte le fasi delle sviluppo embrionale: dalla fecondazione alla nascita, passando attraverso la rapidissima moltiplicazione delle cellule e il loro successivo processo di specializzazione. Nella descrizione di questo decorso naturale, l’autore però non manca di prendere posizione sulle questioni più controverse, confermando – ad esempio – l’importanza scientifica della diagnosi pre-impianto.
L’elemento più significativo del volume di Boncinelli è certamente la volontà di chiarificazione. Tutti gli elementi in gioco vengono portati con correttezza e precisione all’attenzione del lettore, in modo tale che questi possa comprendere. Una volta forniti gli strumenti concettuali per la comprensione delle questioni in gioco, allora è possibile esprimere giudizi. Quest’ultima parte, però, Boncinelli la lascia giustamente al lettore.
Edoardo Boncinelli, L’etica della vita, Rizzoli 2008, pp. 185
.

di
Pubblicato il 14/07/2008

potrebbe interessarti anche: