Logo salute24

Russare: cerotti e spray non servono per smettere

Cerotti, spray, corsi di respirazione per smettere di russare hanno fallito: questo il bilancio di un sondaggio inglese che ha dimostrato che per tre quarti degli intervistati i rimedi a cui si sono sottoposti non hanno apportato alcun miglioramento.Eppure il 77% degli inglesi vive in una casa in cui c’è qualcuno che russa e nel 59% dei casi i “versi” notturni impediscono di fare sonni tranquilli, al punto che in un caso su quattro i partner dormono in stanze separate. Solo il 25% dei 2.000 partecipanti al test ha avuto qualche beneficio dai prodotti anti-russamento, mentre alcuni addirittura hanno dovuto interrompere il trattamento per via di un peggioramento della qualità del sonno.Fondamentale, spiegano gli esperti, individuare la causa del disturbo: si russa, infatti, per svariati motivi, dalla posizione assunta durante il sonno al setto nasale storto passando per il sovrappeso, e se non si risale alla radice del problema, qualsiasi cura può risultare non solo inutile, ma persino dannosa. Inoltre, le cause del russamento notturno possono essere più di una, pertanto un unico rimedio potrebbe non essere sufficiente.Anche se alcuni dei prodotti in commercio sono stati creati alla luce di studi scientifici, aggiungono i ricercatori, per molte terapie non esiste diretta evidenza della loro efficacia: il consiglio degli esperti è quindi quello di consultare il medico e scegliere con cura il trattamento a cui sottoporsi.

di c.s.
Pubblicato il 03/06/2009