Logo salute24

Giornata del Sollievo: quattro regioni pilota, ma il sud ancora indietro

Malattie croniche o allo stadio terminale, con un comune denominatore: il dolore acuto del paziente. Secondo i dati comunicati dal ministero del Welfare, in particolare, la principale causa di sofferenza nel nostro Paese è il cancro e coinvolge circa 260mila persone ogni anno. Per venire incontro alle sofferenze dei malati terminali da anni in Italia si stanno moltiplicando centri specializzati nella terapia del dolore ed è proprio a questo settore della medicina che è dedicata l`ottava Giornata nazionale del sollievo, in programma per domenica prossima, 31 maggio.
Quattro le regioni-pilota che sperimenteranno una rete di strutture per le cure palliative: Lazio, Emilia Romagna, Veneto e Sicilia. A questo si aggiunge il numero verde messo a disposizione dalla Fondazione Gigi Ghirotti (800.30.15.10), per avere informazioni sui centri e le terapie del dolore: in un anno le chiamate ricevute dal centralino sono state oltre seimila.
Secondo i dati forniti dall’Aifa, in particolare, la regione che spende di più in farmaci per la terapia del dolore è la Toscana, con 2.426 euro ogni mille abitanti, a fronte di una media nazionale poco superiore ai 1.200 euro. Seguono il Friuli (1.914,23 euro ogni 1000 abitanti) e la Liguria (1.864,87 euro ogni 1.000 abitanti).
Fanalino di coda, invece, sono le regioni del Sud Italia: con una spesa media di 690,74 euro ogni mille abitanti, chiude infatti la classifica la Campania, preceduta da Calabria (663,82 euro ogni 1.000 abitanti) e Sicilia (834, 75 euro ogni 1.000 abitanti). Il primato dei centri, invece, spetta alla Lombardia, con 440 posti letto ogni diecimila abitanti e 38 strutture dedicate alla terapia del dolore (dati 2006, Ministero della Salute), a seguire Emilia Romagna (14 strutture) e il Lazio (11 strutture).
Tra le ultime novità messe in campo dal Governo in materia di terapia del dolore, infine, una procedura semplificata per la prescrizione dei farmaci di fascia A (gratuiti) e un fondo da 100 milioni di euro per superare le carenze assistenziali sul territorio nazionale.

di em. t.
Pubblicato il 29/05/2009