Logo salute24

Mal comune poco gaudio Il gonfiore alle gambe unisce 7 donne su 10

No alle tisane, sì alle compresse (se servono). Rutosidea o centella fa lo stesso. E usare le calze elastiche, anche d`estate. Buona abitudine sarebbe utilizzare gel o spray refrigeranti: "Sono queste le modalità attraverso cui si può provare a risolvere il problema della pesantezza e del gonfiore alle gambe", spiega Ugo Alonzo, vicepresidente della Società italiana di flebolinfologia e chirurgo all`Ospedale San Filippo Neri di Roma. Circolazione linfatica poco efficiente e rallentata, ristagno dei liquidi, gonfiore, pruriti e pesantezza: con l`arrivo della calura estiva questi disturbi arrivano a colpire 7 donne su 10.
Ma non tutte le persone che soffrono di problemi alla circolazione delle gambe hanno lo stesso disturbo: "Dobbiamo distinguere tra un 20% di chi soffre di insufficienza venosa cronica, per cui presenta la patologia tutto l`anno e segue delle cure apposite, e le persone che invece vedono acuirsi il disturbo con l`arrivo del caldo. Queste ultime sono l`80%: in questo secondo caso parliamo di sintomatologia senza patologia evidente, o con una minima patologia".
Fare i conti anche se solo con una sintomatologia "stagionale" dovuta alle alte temperature, però, non è sempre facile. A fronte di molte persone che soffrono di lievi gonfiori, infatti, c`è chi si vede proprio trasformare le gambe in palloncini pieni d`acqua: "I principi attivi naturali sono sempre utili per cercare di tamponare il problema - continua l`esperto. Rutosidea, la famiglia dei flavonoidi e la centella fanno al caso nostro. Attenzione, però, alle tisane, perché con gli infusi in acqua non si riesce a fare il calcolo del principio attivo assunto. Meglio affidarsi ai principi attivi vegetali `titolati`, consueti prodotti da banco che si trovano in farmacia: è l`unico modo per sapere quanto principio attivo si assume".
Calze elastiche, anche d`estate. "Fanno bene e non hanno controindicazioni neanche d`estate, soprattutto se si lavora in ambienti climatizzati e al fresco - continua Alonzo -. Il massaggio continuo crea delle leggere vasocostrizioni che a loro volta stimolano la circolazione, favorendo l`alleggerimento del gonfiore. Certo è che non ci si può sdraiare al sole dopo averle indossate. In quel caso non farebbero bene".
In alternativa alle compresse si possono usare i gel o gli spray, soprattutto per chi non ha gonfiori molto accentuati: "Danno sollievo perché sono refrigeranti, creando una vasocostrizione che, anche se temporanea, è molto benefica".

di cosimo colasanto
Pubblicato il 10/06/2009