Logo salute24

Intestino sano: probiotici più efficaci con la colazione

È meglio assumerli durante i pasti, e comunque a stomaco pieno. Esattamente al contrario di ciò che comunemente si crede, i probiotici funzionano meglio se consumati insieme ad altri alimenti. Così, se risulta quantomeno strano aggiungere un flaconcino di yogurt da bere al menu del pranzo, consumarlo a colazione, spiegano gli esperti, dovrebbe invece diventare un`abitudine: "Il cibo fa da veicolo per attraversare alcune zone dell`apparato digerente che risulterebbero troppo acide e quindi aggressive per la sopravvivenza dei loro principi attivi", spiega Lucio Capurso, gastroenterologo dell`ospedale San Filippo Neri di Roma. E forse in pochi sanno anche che "se assunti a stomaco vuoto possono addirittura risultare dannosi, aumentando i livelli di acidità gastrica". Prebiotici e probiotici, stato della ricerca, effetti sulla salute, interazione con obesità, sindrome metabolica, stress: delle più recenti novità nel campo del benessere intestinale e sul futuro di questo settore della ricerca medica si è parlato ad Amsterdam nel corso del simposio internazionele ``The gut and more. Probiotic influences beyond the gut``.
La quantità giusta - Una boccetta di yogurt probiotici al giorno dovrebbe essere sufficiente per garantire la salute dell`intestino. Come spiega Lorenzo Morelli, ordinario di Biologia dei microrganismi presso l`Università Cattolica S. Cuore di Piacenza, "dipende sempre dal tipo di bacillo e dalla preparazione del probiotico. La quantità giusta da assumere affinché abbia effetto, comunque, non dovrebbe essere inferiore a un miliardo di bacilli al giorno". Probiotici e prebiotici: no alla confusione. Nonostante il nome sia molto simile, "probiotici e prebiotici sono due cose diverse - spiega Capurso -. I probiotici sono batteri di diversi tipi che agiscono rinforzando la flora batterica, e di conseguenza migliorando la salute della parete dell`intestino. I prebiotici, invece, sono il nutrimento della flora batterica: sono delle sostanze glucidiche a catena più o meno lunga, come le fibre, che non vengono scisse dagli enzimi dell`intestino e non vengono assorbite, costituendo così nutrimento costante per i probiotici".
Probiotici: gli effetti - Intestino più sano. Niente più problemi con stipsi o diarrea. Ma non solo: diversi studi condotti negli ultimi anni hanno messo in evidenza che l`uso dei probiotici potrebbe prevenire allergie, obesità e sindrome metabolica, anche se - precisano gli esperti - il loro ruolo è da approfondire. A guadagnarci, inoltre, sembra essere anche l`umore: secondo Jan Brummer, gastroenterologo dell`University of Orebro, in Svezia, i probiotici sembrano ricoprire un ruolo interessante - ma da analizzare ulteriormente - nel combattere la depressione. E poi c`è il capitolo "sistema immunitario": equilibrando il microbiota intestinale, i probiotici contribuiscono a mantenere attive le difese naturali e a ridurre i processi infiammatori.

di Miriam Cesta
Pubblicato il 26/06/2009

potrebbe interessarti anche: