Logo salute24

Vertigini e capogiri: come riconoscerli? L’esperto risponde

Può durare minuti, secondi, ore. Può essere forte e violenta, oppure persistente e ingravescente e, a differenza di ciò che comunemente si crede, tanto più è violenta, tanto migliore sarà la prognosi. Si tratta della vertigine, un disturbo dell`equilibrio che può portare senso di sbandamento e instabilità, ma anche disorientamento, nausea e vomito. Diverse la cause, dai calcoli nell`orecchio, alla circolazione sanguigna, alle infezioni. Ne parla a Salute24 Mario Gagliardi, ricercatore di Otorinolaringoiatria dell`Università "La Sapienza" di Roma.
Comunemente si dice "mi gira la testa": "Può certamente trattarsi di vertigine, ma può trattarsi anche di instabilità, sbandamenti e disorientamento", spiega l`esperto. Per capire se si tratta di vera vertigine, cioè di sensazione di movimento rotatorio dell`ambiente, "è opportuno osservare quanto dura il giramento di testa, se ci sono altri sintomi - nausea, vomito, pallore, sudorazione, ipoacusia, ronzio auricolare, parestesia - oppure condizioni scatenanti, come un movimento della testa o del corpo, un`infezione, un trauma".
Differentemente da ciò che si è portati a pensare, "tanto più la vertigine è forte e violenta, tanto migliore sarà la prognosi, poiché la causa va cercata a livello dell`orecchio interno", continua Gagliardi. Se, invece, il disturbo dell`equilibrio è persistente e ingravescente, "bisogna pensare o all`esito di un danno cranico dell`orecchio interno, o a una patologia del sistema nervoso centrale, o a un disturbo psichico".
Se la vertigine dura alcuni secondi. Se la vertigine dura alcuni secondi - in genere tra i 20 e i 30 - ed è scatenata da un movimento della testa, "si tratta di una vertigine posizionale causata dalla presenza di un otolita, comunemente conosciuto come calcolo, presente in uno o più canali semicircolari del labirinto dell`orecchio". Come si risolve? "In questo caso è sufficiente che il medico esegua dei rapidi movimenti per spostare l`otolite dal canale semicircolare, risolvendo così la vertigine".
Se la vertigine dura minuti. Se dura alcuni minuti "è opportuno verificare le condizioni della circolazione sanguigna cerebrale e le condizioni cardiache - continua l`esperto - poiché è in queste sedi che è possibile trovare la causa della vertigine".
Se la vertigine dura alcune ore. Una vertigine che dura alcune ore è causata da un aumento del liquido (endolinfa) dell`orecchio interno. In questo caso, "potrebbe trattarsi della malattia di Menier o di una sua forma parziale o iniziale", spiega l`esperto.
Una vertigine che dura più di 24 ore. Una vertigine che dura più di 24 ore "è determinata da una neurolabirintite: in questo caso le cause possono essere virali o vascolari". Il consiglio? In ogni caso, rivolgersi al proprio medico ed evitare cure fai-da-te.

di cosimo colasanto
Pubblicato il 27/07/2009