Logo salute24

Nuova Influenza: «Tetris» dei vaccini, dall’aviaria alla suina

Mare, ombrelloni e, al ritorno dalle vacanze, tappa in farmacia per una dose di vaccino contro la nuova influenza. Secondo quanto ha reso noto l`Emea, ente europeo regolatorio per i farmaci, infatti, l`obiettivo è di approvare entro settembre i vaccini contro l`influenza A. E se da una parte cresce il timore per la diffusione sempre più capillare del virus H1N1, dall`altro i ricercatori delle quattro case farmaceutiche che stanno lavorando sui ceppi del virus sembrano sempre più vicini al vaccino.
Dall’aviaria ai farmaci per la nuova influenza - A spiegare lo “stato” dell`arte della ricerca sulla nuova influenza è la stessa Emea. Secondo l`Ente europeo, i vaccini di tre case farmaceutiche sono stati già preapprovati nell`Unione europea, basandosi su precedenti dati emersi con il virus dell`aviaria H5N1, simile non solo per la sigla ma anche per la struttura a quello della nuova influenza. I vaccini contro l`aviaria, infatti, erano stati sviluppati in previsione di una possibile mutazione del virus, in modo da includere, quasi fosse un tetris, il ceppo della possibile pandemia all`interno della struttura molecolare del farmaco. Complessivamente, sono già stati testati su oltre 8.000 soggetti. Una pre-registrazione avvenuta “al buio” (il termine tecnico è “Mock-up”) e basata sulle risultanze di vaccini pensati per ceppi precedenti di virus.
Sicurezza - La sicurezza, garantisce l`Emea, non è a rischio: “Decenni di esperienza con i vaccini contro l`influenza stagionale dicono che l`inserimento di un nuovo ceppo in un vaccino, come nel caso del passaggio da H5N1 a H1N1, non dovrebbe pregiudicare la sicurezza o il livello di protezione offerto”. Per le risultanze e i test di efficacia specifici sul virus H1N1, invece, si dovrà attendere settembre 2009.

di em.t.
Pubblicato il 27/07/2009

potrebbe interessarti anche: