X

Ti potrebbe interessare anche

Sigarette elettroniche: dall'Oms divieto di fumo nei luoghi pubblici

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
G-b3

Gates e Bloomberg:
crociata contro la nicotina

Il fondatore di Microsoft Bill Gates e l’attuale sindaco di New York, nonché proprietario di un importante società di media, Michael Bloomberg hanno annunciato il versamento di una somma di 500 milioni di dollari (pari a 320 milioni di euro) nei confronti dell`Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il finanziamento dell’iniziativa contro il fumo che è partita nel febbraio 2008. A riportare la notizia del sostegno dei due miliardari americani alla campagna dell’Oms contro gli effetti della nicotina è il New York Times.
Secondo le stime dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, saranno ben un miliardo le persone che moriranno nel corso del ventunesimo secolo a causa dei danni provocati dal fumo – dieci volte in più rispetto alle vittime del secolo precedente, circa 100 milioni di morti. “Tutti i soldi nel mondo non riusciranno a sradicare il tabacco” ha dichiarato Bloomberg nel corso della presentazione del progetto. “La nostra partenership – ha aggiunto – mostra però come il vento contro questa epidemia mortale sia cambiato”. A partire dal mese di febbraio l`Organizzazione Mondiale della Sanità ha introdotto sei specifici provvedimenti per frenare nel mondo il crescente consumo di tabacco. Tra i quali vanno ricordati: la sollecitazione ai governi per una maggiore tassazione dei prodotti da fumo, il rigoroso divieto di pubblicità di sigarette, la creazione di programmi appositi, dedicati al sostegno dei fumatori.
La campagna si concentra principalmente verso i paesi con il maggior numero di fumatori, come ad esempio Cina, India, Indonesia, Bangladesh e Russia. Nel corso della sua amministrazione della Big Apple, Michael Bloomberg si è dimostrato un paladino della lotta contro il fumo, adottando buona parte dei provvedimenti indicati dall’Oms. In qualità di sindaco, il magnate ha infatti decretato un drastico aumento delle accise sui tabacchi e l`introduzione del divieto assoluto di fumare in quasi tutti gli edifici di New York, ad eccezione delle case private. Inevitabilmente, nonostante le proteste di parte della popolazione, il numero di fumatori nella metropoli americana si è drasticamente ridotto.

di (29/07/2008)

Salute: infusi e tisane, altolà del ministero


"I prodotti presentati come 'naturali' soprattutto di derivazione vegetale, stanno riscuotendo...

Salute: domani XII Giornata nazionale di raccolta del farmaco

Donare farmaci alle persone bisognose: sono diverse le farmacie di Roma e...

Caritas diocesana
di Roma:
parte il
progetto
«Un ponte di
solidarietà»

Si chiama "Un ponte di solidarietà" il progetto che vede la collaborazione...

Salute: investire nel riso per ridurre povertà in Asia

Maggiori investimenti nella ricerca sul riso: questo l'obiettivo emerso oggi a Mumbai...

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.