X

Ti potrebbe interessare anche

Indagine sull'HIV: poca informazione e ancora tanti stereotipi

  • Ico_email
  • print
  • Ico_ingrandisci_carattere
  • Ico_diminuisci_carattere
Lila

Giornata mondiale Aids:
le iniziative in Italia
tra ricerca e solidarietà

Quattromila nuove infezioni nel 2008, pari a circa 7 nuovi casi di Hiv ogni 100 mila persone. Il 60% dei "nuovi" malati, quest`anno, ha scoperto di essere sieropositivo troppo tardi, quando L`Aids era ormai conclamato, e un sieropositivo su quattro non sa di essere infetto. La tipologia dei malati è cambiata radicalmente negli anni: sono diminuiti di quasi nove volte i contagiati a causa del passaggio di siringhe per l`iniezione di droga (dal 69% del 1985 all`8% del 2008), mentre sono aumentati di quasi sei volte - dal 13,3% del 1998 al 73,7% del 2007 - i casi attribuibili a contatti sessuali non protetti (eterosessuale e omo/bisessuale). I dati, diffusi dall`Istituto Superiore di Sanità in vista della Giornata mondiale contro l`Aids che si celebra oggi, mettono in evidenza che in Italia sono attualmente presenti circa 180 mila persone positive al virus dell`Hiv, di cui 22 mila con Aids conclamato.
Giornata mondiale contro l`Aids: le iniziative di sensibilizzazione - In occasione della celebrazione della Giornata mondiale contro l`Aids diverse sono le iniziative promosse dalle varie associazioni per la lotta all`Hiv e all`Aids presenti in Italia. Da video promozionali a raccolta fondi, passando per spot televisivi e iniziative inpiazza per parlare direttamente con le persone.
"Aids: la sua forza finisce dove comincia la tua!": è il diretto invito a fare il test rivolto agli spettatori in chiusura dello spot - con Valerio Mastrandrea diretto dal regista Ferzan Ozpetek - che costituisce lo slogan della campagna promossa dal ministero della Salute, attraverso la quale si mira a contrastare l`abbassamento dell`attenzione da parte degli italiani nei confronti dell`Aids e in particolare a incentivare i giovani a effettuare il test. La campagna partirà sulla stampa nazionale in concomitanza con la celebrazione della Giornata Mondiale Aids del 1° dicembre e in televisione sarà presente, nel mese di dicembre, per 14 giorni. Per l`occasione il ministero ha anche istituito un "Numero verde Aids" 800 861 061, operante presso l’Istituto Superiore di Sanità, per gli approfondimenti informativi (presenti anche sul portale del ministero).
La Lila - Lega italiana lotta Aids - propone in occasione del 1° dicembre la campagna promozionale in favore dell`utilizzo del preservativo "Yes we condom": "La Lila ha scelto di assumersi la responsabilità di parlare forte e chiaro - spiega Alessandra Cerioli, presidente Lila nazionale - attraverso una campagna che vogliamo rendere visibile anche con l’aiuto delle singole persone che ci ascoltano e che condividono il nostro obiettivo: scegliere oggi il profilattico a viso aperto come mostra la nostra campagna, vuol dire scegliere da che parte stare, essere protagonisti nella sfida per abbattere un tabù". Dal 1° al 31 dicembre sul sito www.lila.it si potrà partecipare direttamente alla campagna attraverso l’iniziativa “Yes We Condom - Scatto anch’io!”: chiunque potrà inviare la propria foto - con condom annesso - diventando testimonial diretto della campagna.
Donare due euro con un sms o chiamare da fisso Telecom Italia per sostenere il progetto "Djitu ten - Nascere sano è un diritto di tutti i bambini", promosso da Anlaids - Associazione nazionale per la lotta all`Aids. L`iniziativa Djitu ten, che in lingua locale significa "Si può", è nata per realizzare interventi in campo sanitario mirati alla prevenzione da Hiv/Aids in Guinea Bissau, e in particolare alla prevenzione della trasmissione materno-fetale del virus HIV-1.
Feltrinelli, Fnac, Librerie Coop, Melbook, Mondadori e Ubik, per un totale di oltre 200 librerie, celebreranno insieme il "Virus Free Day", una campagna di sensibilizzazione ed educazione che prevede anche la distribuzione gratuita di preservativi. L`iniziativa - rivolta principalmente ai ragazzi di 15-24 anni - ha il patrocinio della presidenza del Consiglio dei Ministri e del ministero della Gioventù. L`obiettivo, spiega il ministro Giorgia Meloni, è "non abbassare la guardia nei confronti del virus".
A Roma il test Hiv si potrà fare gratuitamente in piazza del Campidoglio il 1° dicembre a partire dalle 10, dove sarà possibile anche compilare questionari e avere inforazioni sulla malattia. Il progetto "Street test: il test Hiv si fa strada" è del Coordinamento Romano Hiv (associazioni che si occupano di Hiv e Aids nella Capitale). Dalle 9 alle 12, sempre in piazza del Campidoglio, sarà presente un camper che metterà a disposizione medici e operatori per informazioni sulla prevenzione dell`Aids e delle altre infezioni sessualmente trasmesse, e saranno distribuiti preservativi.
"Hiv: sapere salva la vita" è il titolo del video realizzato dall`associazione di pazienti sieropositivi Nadir Onlus per sensibilizzare i giovani ad effettuare il test (guarda il video).
L`Associazione lesbiche e gay italiana - Arcigay scenderà nelle piazze di diverse città italiane: "Hiv: in Italia un contagio ogni 2 ore. Metti il preservativo in agenda" sarà lo slogan che accompagnerà le diverse manifestazioni  cittadine (clicca qui per l`elenco).
Il Network persone sieropositive - NPS Italia Onlus ha organizzato un meeting per il 1° dicembre 2009 nella Camera dei Deputati a Roma, Sala Aldo Moro, durante cui si discuterà dei nuovi dati, dell`accesso alle cure e dei diritti violati dei lavoratori sieropositivi (clicca qui per il programma).

di Miriam Cesta (01/12/2009)

Lascia un commento

Fai una domanda

I commenti sono editati da parte della redazione.