Logo salute24

Effetto placebo: potenzia i farmaci, riduce danni collaterali

Nuovi sbocchi per l’effetto placebo: potrebbe “arricchire” e migliorare i trattamenti farmacologici volti a combattere le patologie croniche, riducendone gli effetti collaterali. È quanto emerge dallo studio pubblicato su Psychosomatic Medicine dai ricercatori dell’Università di Rochester di New York, negli Usa.
La ricerca è stata condotta su 46 pazienti affetti da una forma moderata di psoriasi – una patologia cronica, che coinvolge il sistema immunitario e si acutizza quando si è sotto stress -, sottoposti ad un trattamento fondato sull’assunzione per tre quarti di farmaci steroidei e per un quarto di un placebo. Al termine dell’esperimento è emerso che i pazienti sottoposti alla cura sperimentale mostravano risultati simili, e, in alcuni casi migliori, a chi aveva seguito un trattamento anti-psoriasi “standard”.
“Il nostro studio – spiega Robert Ader, docente dell`Università di Rochester - dimostra che l`effetto placebo può rendere possibile curare la psoriasi con una quantità inferiore di farmaci, consentendo di ridurre gli effetti collaterali e limitare il rischio di dipendenza o tossicità legato all’uso di alcuni medicinali”. Gli studiosi sostengono inoltre che l’integrazione tra medicinali e placebo potrebbe migliorare il trattamento di altre malattie croniche come l`asma, la sclerosi multipla e il dolore cronico.

di nadia comerci
Pubblicato il 07/01/2010