Logo salute24

Memoria-sprint: correre al parco migliora la memoria

Favorisce lo sviluppo del cervello e rinforza la memoria, oltre a far bene a corpo e spirito. A mettere in evidenza le proprietà benefiche - e inaspettate - della corsa è uno studio condotto dai ricercatori dell`Università di Cambridge guidati da Timothy Bussey e pubblicato su Pnas - Proceedings of the National Academy of Sciences da cui emerge che correre "rinfresca la memoria e aiuta il cervello a crescere".
Lo studio - Condotto in collaborazione con l`US National Institute on Ageing nel Maryland, ha scoperto che fare una corsetta per un paio di giorni di seguito favorisce la nascita di centinaia di migliaia di nuove cellule cerebrali in un`area del cervello deputata alla formazione dei ricordi e alla loro memorizzazione. La scoperta, spiegano i ricercatori, potrebbe portare a nuovi trattamenti per rallentare il deterioramento delle capacità mentali in età avanzata.
Topi runner - La ricerca ha seguito due gruppi di topi, uno solo dei quali aveva accesso illimitato a una ruota. I topi corridori hanno corso, in media, 24 chilometri al giorno. La ricerca ha messo in evidenza notevoli differenze tra il gruppo dei topi corridori e di quelli sedentari: i primi, infatti, hanno fatto registrare un risultato quasi doppio nel conseguimento di premi ("zollette" di zuchhero) per i chilometri percorsi.
Più neuroni - La differenza maggiore tra i due gruppi si è verificata principalmente nelle ultime fasi dell`esperimento, quando i due quadrati erano posti tanto vicini quasi da toccarsi: "In questa fase della sperimentazione per i topi era più facile confondersi perché i quadrati sono molto simili, oltreché vicini - spiega Bussey sulle pagine online del The Guardian -. È quando si tratta di distinguere tra i due che queste nuove cellule cerebrali sviluppate grazie alla corsa fanno davvero la differenza".

di cosimo colasanto
Pubblicato il 20/01/2010

potrebbe interessarti anche: