Logo salute24

Curarsi lontano da casa: boom del «turismo sanitario»

Un’analisi della società di consulenza americana Deloitte prevede un aumento esponenziale dei viaggiatori in cerca di cure mediche specialistiche, ma a buon mercato. Tra il 2010 e il 2012 dovrebbero diventare 6 milioni i cittadini Usa per i quali si parlerà di “medical tourism” (turismo medico) contro i soli 750.000 del 2007.
La Deloitte ha classificato i malati pronti a viaggiare per curarsi secondo differenti criteri: età, etnia e tipo di assicurazione sanituna realtà in espansionearia. Secondo i risultati emersi, ad emigrare alla ricerca di prestazioni mediche sono il 51,1% degli uomini tra i 20 e i 40 anni e il 41,9% delle donne della stessa fascia d’età, seguite dal 36,7% della generazione tra i 40 e i 60 anni, e dal 29,1% degli ultrasessantenni. Si tratta essenzialmente di asiatici e ispanici, e, comunque, di persone che non hanno un’assicurazione privata. A livello di giro d`affari da qui a breve, questa tendenza verso la medicina a buon mercato potrebbe fruttare ai paesi pronti ad accogliere questa speciale categoria di turisti circa 20 miliardi di dollari all’anno.
In Europa, anche in ragione di un`estesa assistenza sanitaria pubblica, il fenomeno appare più circoscritto. A spostarsi (circa quattro europei su cento) sono soprattutto coloro che ricercano centri di eccellenza all’avanguardia nei trattamenti per le malattie più gravi. Anche in Italia il fenomeno è sta prendendo piede. Non ci sono ancora i numeri del mercato Usa, però in molti guardano e i rivolgono ad agenzie specializzate nell`offerta di "pacchetti sanitari". Storicamente esiste invece un`altro tipo di mobilità sanitaria. Anzi due: a livello di medico, sono i giovani professionisti che, dopo aver studiato all`estero, trovano in patria centri specializzati pronti ad accoglierli. L`altro tipo è quello transregionale: mete privilegiate dagli italiani sono gli ospedali della Lombardia e a spostarsi sono, in particolare, i campani e i siciliani, seguiti dagli abitanti del Lazio.

di
Pubblicato il 01/09/2008