Logo salute24

Più forti con l’«illusione del doping»

Atleti, aiutatevi con l’acqua. Basta che non lo sappiate. La ricetta dell’illusione da doping potrebbe aiutare gli agonisti a comprendere che andare forte nello sport dipende più dalla fiducia in se stessi che dalle sostanze anabolizzanti. Uno studio condotto dal Garvan Institute of Medical Research di Sydney, in Australia, presentato nel corso del novantesimo meeting annuale della Endocrine Society’s, ha confermato che gli atleti che pensano di aver assunto sostanze dopanti ottengono prestazioni migliori. 
È bastato confrontare i risultati di un gruppo di soggetti che poco sportivamente ha ammesso di far uso di sostanze dopanti con altri atleti a cui i medici hanno fatto credere di prescrivere farmaci e altri preparati in grado di garantire performance più elevate. L’effetto placebo li ha fatti andare più forte, nonostante avessero assunto elementi non più “galvanizzanti” dell’acqua.
Lo studio ha messo in luce come, a differenza dei danni permanenti provocati dal doping, per raggiungere risultati brillanti un buon “allenamento” psicologico e il lavoro sulla propria autostima sono i primi, e dovrebbero essere gli unici, "aiutini". Per di più, innocui come un bicchier d’acqua.

di
Pubblicato il 16/06/2008