Logo salute24
Pregnant woman
Articoli Correlati

Una proteina «al bacio» è la chiave della fertilità

È una proteina "al bacio" la responsabile dell`ovulazione e della fertilità femminile: si chiama kisspeptina, viene prodotta dal gene Kiss-1, ed era già conosciuta dalla comunità scientifica per svegliare gli ormoni dei ragazzi durante il periodo dell`adolescenza. La scoperta, pubblicata sul Journal of Neuroscience, è ad opera di un gruppo di studiosi neozelandesi della University of Otago diretti da Allan Herbison, in collaborazione con i ricercatori dell`University of Cambridge in Gran Bretagna.
Gli studiosi durante la ricerca hanno rilevato che i segnali mandati dalla kisspeptina al cervello sono indispensabili per la regolazione dell`ovulazione nelle donne adulte: attraverso gli impulsi che la proteina invia al suo recettore cellulare GPR54, infatti, si attivano nel cervello i neuroni responsabili del rilascio della gonadotropina, conosciuta anche come l`"ormone della gravidanza" responsabile - tra le altre cose - del buon annidamento dell`embrione alle pareti dell`utero.
Lo studio è stato effettuato su un gruppo di topoline, ma secondo i ricercatori ci sono buone possibilità che lo stesso meccanismo funzioni anche negli uomini.
E se la trasmissione di impulsi tra la kisspeptina e il recettore cellulare GPR54 determinano l`ovulazione, dando vita al primo fondamentale impulso che determina la fertilità, sembra invece che difetti di comunicazione possano invece impedirla. La scoperta potrebbe aprire quindi nuove frontiere nel campo della fertilità: secondo gli esperti, infatti, stimolando gli impulsi tra la proteina e il recettore si potrebbero risolvere alcuni casi di infertilità, mentre trovando dei farmaci che inibiscano questa comunicazione potrebbe aprire nuove strade per gli anticoncezionali.
Dalla kisspeptina, quindi, dipende la fertilità. Ma il nome della proteina non ha niente a che fare con baci e amore. Come infatti spiegano gli studiosi, "i ricercatori che per primi scoprirono il gene che codifica per la kisspeptina, il Kiss-1 - precisa infatti Herbison - non avevano idea del suo ruolo nella fertilità. Il nome fu dato in onore degli Hershey Kisses, famosi cioccolatini americani, dal momento che Hershey era la città statunitense in cui si trovava il laboratorio dove il gene venne scoperto".

di Antonello Amici
Pubblicato il 11/09/2008

Altri articoli

potrebbe interessarti anche: