Logo salute24

Scandalo-latte in Cina: le autorità sapevano

Latte%28orizz%29 Chinese milk

Sono ben ventidue le marche di latte contaminate in Cina, 12.892 i bambini fino ad ora ricoverati, quattro i decessi e 340 le prognosi riservate. La Sanlu, azienda lattiero-casearia incriminata, nascondeva l`uso di melamina per potenziare i valori proteici del latte già dal dicembre 2007.

L`abuso fu scoperto il 2 agosto 2008, ma qualcuno preferì nascondere il problema sotto il tappeto per non oscurare le Olimpiadi. A cominciare da Ji Chutang, sindaco di Shijiazhuang e vicesegretario del partito comunista dell`Hebei, adesso indagato per aver nascosto l`informazione, mentre il capo del servizio di ispezione sulla qualità del cibo, Li Changjang, è stato rimosso dal suo incarico.

La paura ha fatto presto il giro del mondo. Da Bruxelles, i vertici sanitari dell`Unione Europea confermano la sicurezza dei prodotti in vendita nel Vecchio Continente. La Nestlè, i cui prodotti sono finiti sotto osservazione ad Hong Kong, ha subito precisato in un comunicato che "nessuno dei suoi prodotti in Cina è fatto con latte contaminato". Desta preoccupazione anche l`export del latte cinese nel mondo. In particolare in quei paesi, Bangladesh, Yemen, Burundi, Gabon, Birmania e Nuova Zelanda, nei quali è stato esportato il latte in polvere prodotto nella Repubblica Popolare. È proprio datyryrlla Nuova Zelanda che è partita la prima accusa alle autorità cinesi: possibile che nessuno si fosse accorto che colla e additivi usati nell`industria della plastica, cancerogeni, fossero usati per alterare il contenuto proteico nel latte? I precedenti non sono serviti a molto:  Zheng Xiaoyu, ex capo dell`agenzia governativa per i controlli sui generi alimentari e medici, fu accusato di aver ignorato la presenza di melamina in alcune derrate alimentari per animali alcuni anni fa e condannato a morte.

Arriva da Hong Kong, intanto, la notizia di un`ulteriore intossicazione di una bambina, attualmente fuori pericolo. Il ministro della salute Chen Zu, è però pessimista: «Il numero dei bambini colpiti aumenterà».

!--
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
-->
<!--
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
-->!--
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
-->
<!--
@page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
-->



Author: ida casilli
Pubblicato il 25/09/2008


Vedi altre Gallery