Logo salute24

Figli in provetta: Europa in testa, in Italia 1 su 100

Fecondazione assistita, il record appartiene all`Europa. Con circa 90.000 bambini nati grazie alle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA) nei paesi dell`area Ue guidano la classifica mondiale. Ma in Italia solo 1 bimbo ogni 100 (1,2%) nuovi nati è figlio della (PMA), mentre nella sola Danimarca sono il 4,9%. Sono i dati emersi nel corso della 26° assemblea annuale della Società europea di riproduzione umana ed embriologia, che si conclude oggi a Roma.
Secondo i dati presentati dall’European IVF Monitoring Group (EIM), sono stati segnalati 479.288 cicli di trattamento in 32 paesi europei, nel 2007. Il confronto a livello mondiale è di 142.435 cicli negli Stati Uniti e 56.817 cicli in Australia e Nuova Zelanda. Nei 28 paesi in cui le cliniche hanno messo a disposizione i propri dati sui parti, nel 2007 sono nati oltre 90.000 bambini. "Il numero di cicli eseguiti in numerosi paesi sviluppati è cresciuto del 5-10% l’anno negli ultimi 5 anni", asserisce Jacques de Mouzon, presidente dell’EIM di ESHRE. "Tuttavia, l`aumento del 4,5% che abbiamo osservato in Europa dal 2006 al 2007 è in parte dovuto al maggior numero di dati messi a disposizione dalle cliniche e raccolti nella nostra banca dati," ha aggiunto.
I paesi nordici come la Danimarca sono quelli più avanzati, con 13.263 cicli per milione di donne di età compresa tra i 15 e i 45 anni. La più bassa disponibilità è stata registrata nelle più grandi economie europee, come in Germania (3.931), nel Regno Unito (3.794) e in Italia (3.829). Questo si riflette anche nel numero di bambini nati, con solo l’1,5% in Germania, l’1,8% nel Regno Unito e, come si diceva, l’1,2% in Italia.

di cosimo colasanto
Pubblicato il 01/07/2010