Logo salute24
Gavidanza011
Articoli Correlati

Gravidanza: con il test del «picco» aumentano le chance

Il primo figlio, in Italia, arriva sempre più tardi e il Lazio non fa eccezione. Dati Istat confermano che la realtà laziale è in linea con quella nazionale. In questa Regione, il tasso di fecondità è mediamente prossimo al 40%, ma addirittura il 61% delle donne che ha partorito il primo figlio nel 2007 aveva un’età superiore o uguale a 30 anni. "Anche in Lazio si verifica la tendenza a posticipare la formazione della coppia e la nascita del primo figlio", afferma Salvatore Mancuso, presidente del Comitato Etico del Policlinico Universitario Agostino Gemelli, presso il quale dove si tiene oggi l` evento formativo dal titolo: "Educazione alla fertilità: la fertilità, conoscenze, acquisizioni, problematiche” per informare sui rischi di un gravidanza ritardata, ma anche per rispondere alla numerose richieste di maggiore informazione da parte delle coppie.
Lui e Lei: i consigli per favovire la gravidanza.
Un numero sempre maggiore di donne ricerca informazioni, consigli e metodi efficaci per aumentare le possibilità di una gravidanza. L’informazione più importante è la conoscenza esatta dei giorni di massima fertilità della donna, cioè quelli in cui un rapporto sessuale ha maggiori probabilità di successo: il giorno dell’ovulazione e quello precedente rappresentano il periodo di massima fertilità. Ma solo il 50% delle donne ha una corretta conoscenza del ciclo ovulatorio e, quindi, sa qual è il momento migliore per concepire. Nella maggior parte dei casi, la donna non è in grado di riconoscere il giorno dell’ovulazione.
"La ricerca della gravidanza può essere agevolata anche con strumenti tecnologici oggi disponibili per identificare l`ovulazione - ricorda Mancuso -. E’ importante, infine, tranquillizzare la coppia, creando una condizione anche psicologica più favorevole al concepimento".
Il metodo più accurato per l`individuazione dei giorni più fertili è l`identificazione del periodo in cui i livelli dell`ormone luteinizzante (LH) sono massimi (“Picco di LH”). Conoscere questo “picco” consente di identificare il giorno precedente l’ovulazione e quello dell’ovulazione stessa, proprio i due giorni più fertili del ciclo. Una soluzione, ricorrendo a strumenti affidabili e di facile impiego, come il test di ovulazione digitale disponibile nelle farmacie. Tale test è in grado di indicare alla donna, in modo preciso ed affidabile, i due giorni di massima fertilità.

di cosimo colasanto
Pubblicato il 05/07/2010

Altri articoli

potrebbe interessarti anche: