Logo salute24

Doping regolare? La caffeina migliora la resistenza dei muscoli

Il caffè è in grado di potenziare la resistenza muscolare, migliorando le prestazioni atletiche: a sostenere la proprietà della bevanda scura preferita dagli italiani è uno studio inglese pubblicato dai ricercatori della Coventry University presentato a Praga  alla riunione annuale della Society for Experimental Biology, secondo cui 70 micromoli di caffeina nel sangue sono in grado di migliorare di circa il 6% le prestazioni sportive.
Lo studio, condotto sui topi, secondo gli studiosi sarebbe facilmente replicabile negli esseri umani: "70 micromoli di caffeina è il massimo assoluto che può essere raggiunto nel plasma sanguigno di un essere umano. Tuttavia concentrazioni di 20-50 micromoli non sono insolite nelle persone con elevata assunzione di caffeina", spiega Rob James, che ha guidato lo studio.
L`attività dei muscoli è suddivisa in forza "massimale", in cui i muscoli sono spinti al massimo delle loro capacità - come durante gli sprint o il sollevamento pesi - e in forza "sub-massimale", che copre tutte le altre attività muscolari, tra cui la resistenza: la caffeina, concludono i ricercatori, potenzierebbe soprattutto le attività sub-massimali. "Una dose molto elevata di caffeina, somministrata magari mediante compresse, polvere o liquidi concentrati - conclude James - potrebbe rivelarsi interessante per un certo numero di atleti che desiderano migliorare le loro prestazioni atletiche".
La caffeina, spiegano i ricercatori, attualmente non è elencata tra le sostanze proibite dalla World Anti-Doping Agency (WADA) ed è già nota per migliorare la performance atletica stimolando il sistema nervoso centrale; questo studio spiega invece che, ad alte concentrazioni, agisce anche sui recettori dei muscoli scheletrici, stimolando una risposta più vigorosa in grado di aumentare soprattutto la resistenza.

di Miriam Cesta
Pubblicato il 21/07/2010