Logo salute24

Gli amici di Luca insieme per il «risveglio»

Un`alleanza terapeutica tra mondo sanitario, famiglie e associazioni, ma anche e soprattutto un momento di approfondimento sulla ricerca scientifica. Queste le motivazioni che stanno alla base della decima "Giornata nazione dei risvegli per la ricerca sul coma" in programma per domani.
Sono circa 2500 le famiglie che in Italia condividono il dramma di un parente in coma o stato vegetativo. A loro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha espresso "solidarietà e sostegno" scrivendo ai rappresentanti dell`associazione "Gli amici di Luca", promotrice dell`appuntamento, per sottolineare "la rilevanza sociale e scientifica della "giornata" che si è andata affermando, grazie alla tenace passione dei suoi promotori, come uno strumento significativo di riflessione e di confronto sui temi legati allo stato di coma e alle terapie del risveglio".
“Con la `Giornata dei Risvegli` vogliamo dare voce alle famiglie che vivono la drammatica esperienza di un parente in stato vegetativo  - dicono Maria Vaccari e Fulvio De Nigris, fondatori dell’associazione -. Il risveglio è una condizione ampia, che riguarda il paziente e chi gli sta attorno, così come il coma è una sintomatologia familiare e come tale va affrontata. Vivere accanto a un paziente in questo stato vuol dire infatti essere coinvolti in una dimensione dove la riabilitazione non finisce mai nei luoghi deputati ma si prolunga a domicilio, nelle speciali unità di assistenza permanente, nella società civile, nella vita di tutti i giorni”.
Gli amici di Luca si sono costituiti nel 1997 per provvedere, attraverso un appello alla solidarietà, alle cure necessarie per risvegliare Luca, ragazzo bolognese di 15 anni in coma per 240 giorni e purtroppo scomparso nel 1998. Di qui la nascita della “Casa dei Risvegli”, un centro postacuto per giovani e adulti con esiti di coma e stato vegetativo, inaugurato nel 2004. Il modello della "casa", unico nel suo genere, ruota intorno alla famiglia che diventa un punto centrale della terapia e dell`assistenza al pari del team di specialisti. Da questa esperienza è nato anche un centro di ascolto telefonico, Comaiuto (numero verde: 800998067).

di cosimo colasanto
Pubblicato il 01/10/2008

potrebbe interessarti anche: