Logo salute24

Raggi di sole contro l’infertilità

Le coppie che desiderano avere un figlio devono allontanarsi dalla stanza da letto e andare in spiaggia.
Una nuova ricerca australiana rivela infatti che un terzo degli uomini che hanno problemi di fertilità soffrono anche di carenza di vitamina D, la cosiddetta “vitamina del sole”. Secondo Anne Clark, direttore scientifico dell`Australian fertility centre, basterebbero dieci minuti al giorno di esposizione ai raggi solari con le maniche della camicia arrotolate per aumentare in maniera considerevole il livello della vitamina.
Ricerche precedenti avevano già dimostrato che la “vitamina del sole”, prodotta dalla luce naturale e presente negli oli di fegato di pesce e nelle uova, è fondamentale nel corso della gravidanza; i test più recenti hanno stabilito inoltre che gioca un ruolo importante ancor più a monte, intervenendo sulla fertilità maschile.
Lo studio ha coinvolto 105 uomini che hanno condotto uno stile di vita più sano e si sono sottoposti a un trattamento multivitaminico e di antiossidanti per due o tre mesi. I test successivi hanno rivelato un miglioramento della qualità spermatica e 31 dei partecipanti hanno fatto di più: sono finalmente riusciti a mettere un fiocco azzurro o rosa alla porta di casa.
“Il risultato indica chiaramente che integratori alimentari e alcuni cambiamenti dello stile di vita possono essere fattori decisivi per migliorare la propria fertilità” afferma Clark. Basterà quindi prendere un po` di sole, smettere di fumare e ridurre il consumo di alcol e caffeina.

di
Pubblicato il 23/10/2008

potrebbe interessarti anche: