Logo salute24

Connessione tra cervello e difese immunitarie: nuove speranze per le malattie neurologiche

Il sistema immunitario - in particolare il sistema linfatico - e il cervello sono connessi tra loro in un sistema, finora, sconosciuto alla comunità scientifica. La scoperta, che secondo i ricercatori della School of Medicine dell'University of Virginia di Charlottesville (Stati Uniti) che hanno condotto lo studio potrebbe arrivare a ribaltare decenni di insegnamento "facendo nuova luce sull'origine delle malattie neuroinfiammatorie e neurodegenerative associate a disfunzioni del sistema immunitario" come la sclerosi multipla, le demenze, e l'autismo, è stata pubblicata su Nature.

 

Gli studiosi guidati da Antoine Louveau e Jonathan Kipnis, rispettivamente prima firma e supervisore dello studio, hanno scoperto la presenza di vasi linfatici che affiancano l'attività dei seni venosi della dura madre, la meninge più esterna delle tre meningi collocate a protezione del cervello. E' qui che è stata scoperta la connessione ai linfonodi cervicali profondi e il trasporto di cellule immunitarie dal fluido cerobrospinale: "Questi vasi linfatici meningei riescono a scambiare cellule immunitarie tra il cervello e il liquido in cui esso galleggia e drenano verso i linfonodi cervicali", spiegano i ricercatori. "Sebbene sia accettato che il sistema nervoso centrale sia alla base di una costante sorveglianza del sistema immunitario, i meccanismi che governano entrata e uscita delle cellule immunitarie dal sistema nervoso centrale - e in particolare nelle meningi - sono ancora sconosciuti". 

 

Come spiega Kipnis "questa scoperta cambia la prospettiva delle interazioni fra sistema nervoso e sistema immunitario. Non credevamo che ci fossero strutture del corpo che non fossero ancora state mappate, pensavamo che questo tipo di scoperte si fosse ormai concluso a metà del secolo scorso. Ma evidentemente così non è".


Foto: Descrizione del sistema linfatico dopo la scoperta (dall'University of Virginia Health System)

di red.
Pubblicato il 08/06/2015