Logo salute24

Contemplare la natura tiene lontani da alcol e junk food

Potersi affacciare dalla finestra e vedere davanti a sé un parco o un giardino potrebbe aiutare a tenere a bada la voglia di fumare, bere alcolici o mangiare cibo spazzatura. Quello che dei ricercatori della University of Plymouth (Regno Unito) e di altri centri hanno visto è solo una correlazione ma comunque aggiunge altri dati al tema dei possibili benefici che possono derivare dal contatto con la natura per il benessere psico-fisico. Il lavoro di ricerca è stato pubblicato sulla rivista scientifica Health & Place.

Basta guardare il verde

I ricercatori hanno coinvolto nello studio 149 soggetti che hanno eseguito un sondaggio online. La rilevazione ha esplorato i diversi aspetti legati all’esposizione agli spazi verdi e alle irresistibili voglie. Sono state inoltre misurate le porzioni di spazi verdi vicine ai quartieri di residenza dei partecipanti, la presenza di panorami visibili dalle loro abitazioni, la possibilità di accedere a terreni o giardini, la frequenza con la quale gli individui si recavano nelle aree verdi.

Dall’analisi dei risultati si è visto che l’ingresso in queste aree si associava a minore intensità e minore frequenza delle voglie così come la possibilità di guardare da casa oltre il 25% di aree verdi vicine. I ricercatori sottolineano che si tratta di una semplice correlazione e che quindi non è detto che ci sia un nesso di causa/effetto tra l’esposizione alla natura e il minor desiderio di alcol, junk food e sigarette. Pertanto la ricerca dovrà approfondire ulteriormente questi aspetti.

Le conclusioni sono comunque interessanti, come spiega uno dei ricercatori coinvolti, Leanne Martin: “Da tempo è noto da tempo che il contatto con la natura è collegato al benessere individuale. Ma che ci potesse essere un’associazione simile tra le voglie irresistibili e la semplice possibilità di osservare spazi verdi aggiunge una nuova dimensione alla ricerca precedente”.

Abitudini nocive per la salute

Lo studio prende le mosse da lavori precedenti che hanno osservato invece l’impatto positivo dell’esercizio fisico praticato all’aperto sulle tentazioni. Anche questa ricerca ha approfondito la relazione con l’attività fisica nelle aree verdi riuscendo però a separarne gli effetti da quelli della semplice esposizione alla natura. Per stare lontani da pericolose dipendenze potrebbe dunque aiutare guardare e frequentare parchi e giardini: “I desideri irrefrenabili contribuiscono a una serie di comportamenti dannosi per la salute come fumare, bere eccessivamente alcolici o mangiare in modo poco sano”, ricorda un’altra ricercatrice, Sabine Pahl.

“Pertanto – continua – tutto ciò può contribuire ad accrescere alcune delle maggiori sfide per la salute globale come i tumori, l’obesità e il diabete. Aver mostrato che la riduzione delle voglie è correlata a maggiore esposizione a spazi verdi è un primo passo promettente. La ricerca in futuro dovrebbe capire se e come gli spazi verdi possano essere usati per aiutare le persone a resistere alle voglie problematiche e a gestire meglio i tentativi di cessare da queste abitudini”.

Gli effetti della natura sul benessere sono stati oggetto di indagine in diversi lavori di ricerca. E questi risultati aggiungono ulteriori informazioni sull’impatto che il contatto con la natura può avere sul benessere. Un ulteriore motivo per tutelare gli spazi verdi e investire maggiormente su di essi all’interno di paesi e città. Tra i tanti lavori una recente ricerca pubblicata su Journal of Adolescent Health ha correlato la presenza di giardini e parchi pubblici a un minor rischio di depressione in una popolazione di oltre 9 mila adolescenti.

 

Foto: Pixabay

di Vito Miraglia
Pubblicato il 15/07/2019