Logo salute24

Scarabocchi antisbadiglio Con stelline e cuoricini il cervello lavora meglio

C`è chi compone ghirigori degni di un geroglifico egizio, chi costruisce puzzle in stile cubista, chi intreccia tratti di biro più aggrovigliati delle piste di Nazca. Tuttavia, prima di catalogare lo scarabocchio tra le attività umane inutili dettate dalla noia forse farà comodo sapere che proprio mentre ci distraiamo è allora che ci concentriamo. Secondo un gruppo di psicologi inglesi lasciare andare penna e matita per conto loro è infatti un modo per ricordare meglio i dettagli di una conversazione o di una telefonata.
La mano va dove la mente vuole - L`agenda piena di stelline e labirinti, il taccuino costellato di ragnatele di inchiostro, la rubrica del telefono trasformata in una sequenza di codici cifrati sono indice di un cervello che lavora e registra meglio quello che ascolta. È quanto sostengono i ricercatori del reparto di scienze cognitive del Medical Research Council della Cambridge University che hanno analizzato le strategie sottili di uno scarabocchio naif ed estemporaneo. La sorpresa è che vergare un pezzo di carta senza uno scopo preciso serve ad aumentare la memoria del 29 per cento. Per stabilire con esattezza questo incremento gli esperti hanno affidato un compito ad un gruppo di volontari. Dovevano ascoltare per due minuti e mezzo un messaggio preregistrato contenente diversi nomi di persone e luoghi e successivamente scrivere un pro-memoria per un collega che contenesse il maggior numero di informazioni. A metà dei 40 partecipanti veniva anche chiesto di prodursi in un esercizio "creativo": foglio di carta e penna alla mano potevano scarabocchiare a piacimento mentre ascoltavano la registrazione.
Non è un gioco da bambini - Lo studio pubblicato sulla rivista Applied Cognitive Psychology conferma che i volontari che avevano scarabocchiato liberamente alla fine dell`esperimento ricordavano 7,5 nomi di persone o di altri oggetti mentre per gli altri, quelli che ascoltavano senza disegnare "a mano libera", la media era più bassa, ferma a 5,8 dettagli. Se i bambini imparano a sviluppare la competenza spazio-visuale mettendo insieme linee e contorni in modo apparentemente confuso, negli adulti la stessa tela di segni incomprensibili ha quindi un altro obiettivo.
Le fauci e i sogni - "Quando qualcuno compie un`attività noiosa, come ascoltare una monotona conversazione telefonica, potrebbe iniziare a distrarsi", spiega Jackie Andrade, psicologo dell`Università di Plymouth, in Inghilterra. Ma la tentazione di sbadigliare e sognare ad occhi aperti può essere sconfitta dagli scarabocchi senza incidere sulle prestazioni finali. Lo stesso principio è utilizzato nei test psicologici per misurare memoria e attenzione durante i quali si impegna l`esecutore in altri compiti per ostacolarne la concentrazione. "La ricerca ha però dimostrato - continua Andrade - che alcuni compiti secondari, proprio come lo scarabocchiare, aiutano invece a ricordare meglio".

di cosimo colasanto
Pubblicato il 27/02/2009